Economia
Intesa vincente

Piemonte: Cirio, Poste Italiane presidio sul territorio con 1.400 uffici postali, 423 ATM Postamat e oltre 8.000 dipendenti

Il Presidente intervistato dal TGPoste: 6 milioni di vaccini consegnati nella Regione esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato.

Piemonte: Cirio, Poste Italiane presidio sul territorio con 1.400 uffici postali, 423 ATM Postamat e oltre 8.000 dipendenti
Economia 13 Ottobre 2021 ore 11:00

La presenza di Poste Italiane sul territorio è di fondamentale importanza per lo sviluppo economico e sociale delle piccole comunità, una collaborazione tra pubblico e privato che si è rivelata ancora più determinante durante la campagna vaccinale.

Lo ha detto Alberto Cirio, Presidente della Regione Piemonte, intervistato dal TGPoste (visibile su www.postenews.it).

“Ci chiamiamo Piemonte perché siamo ai piedi delle montagne – ha precisato Cirio commentando la presenza di Poste italiane nella Regione con 1.400 uffici postali, 423 ATM Postamat e oltre 8.000 dipendenti - La maggior parte dei comuni nella mia Regione ha meno di 1.000 abitanti ed è sparsa in vallate, montagne e colline. In tutte queste aree c’è una certezza, ovvero la presenza degli uffici postali. L’ufficio postale è il luogo in cui si concentra l’attività di un piccolo comune, ed è sempre nella piazza, o vicino alla chiesa o al municipio o alla scuola. Una comunità esiste anche dove c’è l’ufficio postale”.

Il Presidente Cirio ha continuato sottolineando il ruolo di Poste Italiane durante la campagna vaccinale con la distribuzione di 6 milioni di dosi di vaccino.

“Possiamo parlare di un rapporto ormai consolidato tra Poste Italiane e la nostra Regione – ha ricordato Cirio - Credo che la consegna dei vaccini sia stata l’ennesima dimostrazione di un rapporto che non è solo storico ma che guarda al presente e soprattutto al futuro, cioè alla possibilità che le istituzioni locali possano insieme a Poste Italiane offrire un servizio sempre migliore ai nostri cittadini”.