ESCLUSIVO

L'audio di WhatsApp che ha scatenato il panico sabato nei supermercati

La Procura ha aperto un'indagine per diffusione di notizie false atte a turbare l’ordine pubblico.

27 Febbraio 2020 ore 09:50

Che sia stato fatto intenzionalmente, cioè “con dolo”, oppure che sia frutto di una superficialità senza fine, ormai la frittata di sabato è stata fatta e la Magistratura sta indagando per risalire all’autrice perché convinta che proprio la nota vocale “incriminata” abbia inciso significativamente nel “dare il La” all’assalto ai supermercati a partire dallo sabato pomeriggio, 22 febbraio 2020.

ACCENDI L’AUDIO E ASCOLTA:

Supermercati saccheggiati, la colpa è (anche) di WhatsApp

L’ipotesi su cui si sta indagando, attraverso il fascicolo aperto dai procuratori aggiunti Tiziana Siciliano e Eugenio Fusco, è di diffusione di notizie false atte a turbare l’ordine pubblico. Si parla di un audio girato sulle chat di WhatsApp in cui una donna incoraggia tutti a fare scorte importanti di cibo, in quanto informata dalla moglie di un lavoratore di Regione Lombardia della certa quarantena che sarebbe stata applicata anche a Milano di lì a poco.

L’audio, girato in fretta sugli smartphone di migliaia di persone, avrebbe così convinto i cittadini a prendere d’assalto i supermercati per seguire il consiglio.

Secondo il procuratore Siciliano:

“l’audio potrebbe essere stato messo in giro per pura idiozia o con dolo, ma l’autore verrà punito in ogni caso, come prevede la legge”.

Un’azione definita “criminale”, perché inserita in un contesto di panico e allarme che ha già travolto l’Italia, in particolare la Lombardia dove è localizzato il primo focolaio di Coronavirus e dove i contagiati sono più numerosi rispetto al resto della penisola.

Il testo dell’audio che ha scatenato il panico

L’audio recita:

“Ciao famiglia, vi devo dire una cosa di cui sono stata informata un paio di ore fa. Una mia amica ha il marito che lavora in Regione e mi ha detto che stanno attivando la quarantena per i paesi intorno a Milano e che decidono in questi giorni anche per Milano. Fate la spesa, organizzatevi con scorte, chiudono tutto per almeno un mese. Non riescono a gestire questa cosa, hanno perso il controllo. Già da domani chiudono tutta Garbagnate”.

Non è l’unico audio diffuso su WhatsApp che ha generato panico. Altri messaggi sono stati mandati da sedicenti professionisti che mettevano in allerta su “centinaia di casi positivi che ci nascondono”, incoraggiando a fare scorte di materiale come mascherine e gel igienizzante. Tutte fake news che hanno travolto le città e, secondo gli inquirenti, avrebbero persuaso migliaia di persone a saccheggiare i supermercati. Senza alcun motivo: per i negozi di alimentari non sono previste chiusure.

Da GiornaledeiNavigli.it

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: