Attualità
CASALE MONFERRATO

28 persone denunciate dalla Polizia Locale per indebita percezione del reddito di cittadinanza

Il danno erariale complessivo per i sussidi indebitamente percepiti  ammonta a 229.000 euro.

28 persone denunciate dalla Polizia Locale per indebita percezione del reddito di cittadinanza
Attualità Monferrato, 22 Dicembre 2021 ore 12:09

La Polizia Locale di Casale Monferrato ha deferito all’Autorità Giudiziaria 28 persone per truffa aggravata.

L'indagine

L’indagine è iniziata nell’ottobre scorso a seguito di una segnalazione pervenuta dagli uffici comunali competenti del Comune di Casale Monferrato che adombravano presunte irregolarità relative all’effettiva residenza in città di 29 percettori il reddito di cittadinanza, condizione necessaria al fine dell'ottenimento del sussidio.

A seguito della segnalazione, sono stati avviati accurati accertamenti attraverso i vigili di quartiere i quali, grazie alla conoscenza del territorio, sono riusciti ad accertare che 28 delle 29 persone segnalate risultavano essere mai state residenti: in alcuni casi perché assolutamente sconosciute agli indirizzi dichiarati, in altri perché gli indirizzi dichiarati sono risultati inesistenti.

Mai iscritti all'anagrafe

Solo tre degli indagati, ancorché mai iscritti all'anagrafe cittadina , sono risultati in passato temporaneamente domiciliati in città, in quanto tracciati durante le operazioni di sgombero  coattivo di alcuni immobili di proprietà dell’Agenzia Territoriale per la Casa effettuato dalla Polizia Locale nel 2014.

È stato altresì accertato che la quasi totalità delle istanze per l'ottenimento del sussidio sociale sono state presentate presso una Caf cittadino, estraneo ai fatti. Tutta la documentazione presentata dagli indagati per ottenere il sussidio è stata acquisita e trasmessa alla Procura della Repubblica di Vercelli.

Segnalazione all'Inps

A conclusione dell’attività di indagine, coordinata dal comandante Vittorio Pugno, è stata immediatamente inoltrata una segnalazione all'Inps al fine della sospensione dei sussidi elargiti a decorrere dal 2020.

Il danno erariale complessivo per i sussidi indebitamente percepiti  ammonta a 229.000 euro.

«Vorrei evidenziare l'impegno profuso  dai vigili di quartiere per i circostanziati accertamenti svolti e la sinergia con i colleghi degli uffici comunali che hanno contribuito fattivamente e con grande competenza all'avvio delle indagini», ha sottolineato il comandante Pugno.