Menu
Cerca
Lo studio

Ad Alessandria i lupi si stanno spostando sempre di più verso la pianura

Due ricercatori dell'Università di Torino hanno filmato un branco di lupi in provincia di Alessandria che si sta spostando dal torrente Orba verso il fiume Bormida.

Attualità Alessandria città, 07 Giugno 2021 ore 16:35

La tesi di laurea condotta dai ricercatori Francesca Marras e Fabio Savini (Università degli studi di Torino, facoltà di Veterinaria) e seguita dalla relatrice Francesca Marucco sta portando avanti uno studio su un branco di lupi situato in provincia di Alessandria che si è spinto fino alle sponde del torrente Orba. Obiettivo del loro lavoro è comprendere i motivi per cui i branchi si stiano espandendo sempre più verso la pianura.

IL VIDEO:

Uno studio su un branco di lupi nell'Alessandrino

Nelle Aree protette del Po piemontese ci sono ambiti in cui il lupo è presente con un branco strutturato e ambiti in cui la presenza del lupo può essere occasionale e riguardare singoli individui, a volte di passaggio. Ciò accade, generalmente, in pianura.

Proprio per indagare sulla sua graduale espansione verso il piano due ricercatori stanno lavorando alla tesi di laurea nell’ambito di un corso di studi della Facoltà di Veterinaria dell'Università di Torino, relatrice la professoressa Francesca Marucco. Al vaglio dei due ricercatori, Francesca Marras e Fabio Savini, ci sono la dieta e l'uso dell’habitat di un branco di lupi in provincia di Alessandria. Oggetto del loro lavoro è il primo branco seguito da vicino della pianura piemontese, quello che si è spinto fino al torrente Orba.

Il branco si muove verso la pianura

Al momento si sa che quei lupi sono solo un branco di pochi individui, da considerarsi una singolarità in quelle zone, “catturato” dalle fototrappole posizionate dal gruppo di lavoro, composto, oltre che dai due ricercatori, dalla Responsabile del Settore Fauna dell’Ente-Parco e dai guardiaparco. Ma c’è già anche una gustosa anticipazione: il branco si muove su un corridoio che va dal torrente Orba al fiume Bormida, cosa che conferma che i lupi  si stanno muovendo verso la pianura.

Capire che cosa mangi quel branco è di grande importanza per la gestione dei caprioli e dei cinghiali: è molto utile quantificare il contributo del lupo alla riduzione degli ungulati (il cui numero ad oggi è in eccesso ed è causa di danni all'agricoltura) proprio perché, in quanto ai vertici della catena alimentare, il lupo è uno strumento di selezione naturale e può fungere da difesa contro il proliferare di altri animali che interferiscono con le attività umane.

TI POTREBBE INTERESSARE: Lupo sbrana tre pecore nel parco protetto

L’altro obiettivo delle ricerche è conoscere l’uso che il branco fa del territorio, come si sposta in un ambiente un po’ nuovo per questa specie, se ci si riferisce a tempi vicini a noi e dunque da quanti individui è composto, se si avvicina ai centri abitati, dove trova rifugio, il modo in cui interagisce con le altre specie, anche in relazione a eventuali predazioni degli animali al pascolo, allo stato attuale molto rare nell’area oggetto di indagine.

Attraverso la raccolta di materiale organico come peli ed escrementi si arriverà poi alla determinazione genetica, in quanto il riconoscimento dei singoli individui è fondamentale e fa parte del monitoraggio nazionale.