Menu
Cerca
Ad Acqui Terme

Contest fotografico per immortalare gli scorci dell'Alto Monferrato

Per tutti i fotografi amatoriali e professionisti che desiderano raccontare con i propri scatti il patrimonio naturalistico, enogastronomico, storico e culturale di Acqui Terme e dell’Alto Monferrato.

Contest fotografico per immortalare gli scorci dell'Alto Monferrato
Attualità Acqui e Ovada, 28 Maggio 2021 ore 11:29

Promuovere il territorio e le sue eccellenze attraverso le immagini: è questo l’obiettivo del contest fotografico “Scorci e panorami dell’acquese”, dedicato a tutti i fotografi amatoriali e professionisti che desiderano raccontare con i propri scatti il patrimonio naturalistico, enogastronomico, storico e culturale di Acqui Terme e dell’Alto Monferrato.

"Scorci e panorami dell'acquese"

L’iniziativa è promossa dal Comune di Acqui Terme, dall’Enoteca regionale “Terme e Vino” di Acqui Terme e dal Consorzio Tutela dei Vini d’Acqui, in collaborazione con le Community Instagram @ig_piemonte, @ig_langheroeromonferrato, @ig_alessandria e @ig.asti.

Per partecipare al concorso è sufficiente postare, con l’hashtag #Enoacqui21, sul proprio profilo Instagram una fotografia che esprima in modo originale il territorio acquese e dell’alto Monferrato. La partecipazione è gratuita ed è consentita esclusivamente a persone fisiche maggiorenni, residenti o domiciliate nel territorio nazionale. Il contest fotografico si svolgerà dal 29 maggio al 15 agosto 2021. I vincitori saranno scelti secondo il parere insindacabile della giuria.

In che cosa consiste

L’iniziativa è suddivisa in tre importanti macrotemi: i paesaggi vitivinicoli dell’Alto Monferrato, la città di Acqui Terme e il mondo del vino in correlazione alla sua convivialità. I vincitori di ogni categoria riceveranno 6 bottiglie di vino, una degustazione guidata nell’Enoteca regionale di Acqui Terme e una cena per due persone.

"Instagram è sicuramente uno dei social network più usati negli ultimi anni – afferma il presidente dell’Enoteca regionale “Terme e Vino”, Annalisa Vittore –, e riteniamo che sia un mezzo di comunicazione particolarmente efficace per un progetto come questo, che mette in relazione un territorio attraverso punti di vista diversi. L’Enoteca Regionale ha anch’essa il compito di ‘raccontare delle storie’: tutti i giorni, accogliendo clienti e turisti, narriamo le storie dei nostri soci produttori e dei loro vini. Siamo, quindi, molto soddisfatti di aver dato il via a un progetto di narrazione che metterà al centro dell’attenzione tutte le eccellenze del territorio".

"Far conoscere il territorio e le sue bellezze"

"Ci rivolgiamo a un nuovo linguaggio per far conoscere il nostro territorio e le sue bellezze – spiega il sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Lucchini –. Attraverso quest’idea vogliamo immortalare e raccontare dettagli, angoli e scorci della nostra città facendoli arrivare, grazie all’amplificazione che regalano i social, il più lontano possibile e coinvolgendo il maggior numero di persone. Quando l’Enoteca regionale di Acqui Terme ci ha coinvolto, abbiamo immediatamente compreso lo spirito e le potenzialità del progetto. Acqui Terme è una città da raccontare e da fotografare; questo contest sarà l'occasione per poter mettere a confronto diverse visioni e rappresentazioni della stessa".

TI POTREBBE INTERESSARE: Prenotazioni vaccini aperte a tutti senza distinzioni d'età dal 10 giugno

"Fissare le immagini di un patrimonio naturale"

"Le colline, i vigneti, i vignaioli del Monferrato sono parte integrante del paesaggio e di una cultura del territorio che non può passare inosservata né essere dimenticata – conclude Paolo Ricagno, presidente del Consorzio dei Vini d’Acqui –. Fissare le immagini di un patrimonio che, insieme a quello architettonico, urbanistico, storico e culturale, rappresenta la nostra storia e nello stesso tempo il nostro futuro e quello dei nostri figli e nipoti, non solo è importante, ma diventa un impegno da rispettare con le generazioni future. Non a caso queste terre sono diventate Patrimonio dell’Umanità tutelate dall’Unesco proprio grazie all’opera degli uomini e delle donne che hanno dedicato le proprie vite alla coltivazione della vigna e alla raccolta e trasformazione dell’uva. È un riconoscimento mondiale che vale davvero la pena documentare a futura memoria nelle immagini di un concorso che resteranno testimonianza importante e preziosa".