Una buona notizia

Dopo mesi di blocco la strada del Turchino riapre da oggi in orario diurno

Anas Torino ha confermato la riapertura fino alle 19 della Sp 456 in località Gnocchetto ad Ovada. In orario notturno proseguiranno i lavori per completare la messa in sicurezza.

Dopo mesi di blocco la strada del Turchino riapre da oggi in orario diurno
Attualità Acqui e Ovada, 23 Luglio 2021 ore 09:57

A partire da oggi, venerdì 23 luglio 2021, la sp 456, detta anche strada del Turchino, riaprirà al traffico veicolare in orario diurno fino alle 19. L'avanzamento dei lavori per la messa in sicurezza del tratto stradale in località Gnocchetto a Ovada proseguirà in orario notturno al fine di renderla accessibile h24 entro fine anno.

La strada del Turchino riapre al traffico veicolare

Dopo mesi di blocco a causa del fronte franoso che pendeva sulla sp 456, la strada del Turchino in località Gnocchetto ad Ovada riaprirà al traffico veicolare. A darne disposizione è Anas Torino, la società che si è presa carico dei lavori di messa in sicurezza del tratto stradale, dopo che ha ultimato la posa della barriera paramassi.

La riapertura della sp 456 avverrà in orario diurno dalle 7 del mattino fino alle 19 di sera con il presidio di sensori di movimento e movieri in cantiere. In orario notturno, invece, proseguiranno i lavori da parte degli operatori di Anas al fine di rendere accessibile il Turchino h24 entro la fine dell'anno.

IL POST:

Un investimento da 2,8 milioni di euro

La prima fase dei lavori, iniziata il 24 maggio scorso e della durata di 60 giorni, ha consentito di riaprire al transito la statale nella fascia oraria diurna 7-19.

Gli interventi proseguiranno con le altre lavorazioni in programma che consistono, in particolare, nella costruzione delle barriere paramassi e nell’applicazione di un sistema sofisticato di monitoraggio della parete. L’ultimazione della seconda fase di lavoro con riapertura del tratto h24 è prevista entro fine anno. L’investimento complessivo per l’esecuzione degli interventi ammonta a circa 2,8 milioni di euro.

PER VEDERE LE IMMAGINI DEL FRONTE FRANOSO: CLICCA QUI.