Guardia di Finanza

A Tortona maxi sequestro di pallet, tessuti e articoli per la casa non sicuri

Pur provenendo dall'estero, molto materiale riportava sulla confezione la dicitura “disegnato in Italy"

Pubblicato:

La Guardia di Finanza di Tortona, nel corso di tre distinte operazioni finalizzate al contrasto degli illeciti in materia di falso Made in Italy, di sicurezza prodotti e tutela dell’ambiente, ha sequestrato diversi prodotti ritenuti “non sicuri”, alcuni dei quali riportanti falsi segni e simboli tipici del “Made in Italy”, nonché diverse quantità di rifiuti speciali non correttamente smaltiti.

Maxi sequestro in due magazzini e un capannone

In particolare, le Fiamme Gialle tortonesi, hanno sequestrato, in due magazzini siti in città, oltre 14.000 articoli non sicuri – tra tessuti, articoli per la casa e materiale per il fai-da-te e bricolage - e, presso un capannone sito sulla strada statale per Voghera, nel quale venivano commercializzati prodotti importati dal Pakistan, circa 1.500 articoli per la casa e biancheria che, seppur non originari dell’Italia, riportavano sulla confezione la dicitura “disegnato in Italy” con annessa bandiera tricolore dell’Italia, in violazione delle norme sulla tutela del “Made in Italy”.

Una volta immessa sul mercato, la merce sequestrata avrebbe fruttato ricavi per oltre 60 mila euro.

Il contrasto alle filiere illecite del falso made in Italy assume valore strategico e mira alla tutela delle produzioni nazionali che si contraddistinguono per l’alta qualità.

Sequestrati anche 4 quintali di scarti di pallet

Inoltre, nel corso di mirati controlli finalizzate a verificare il rispetto delle norme in materia di trattamento rifiuti, i finanzieri tortonesi hanno sequestrato anche 4 quintali di scarti di pallet in legno, originariamente usati come beni per il trasporto della merce, esposti per la successiva vendita al pubblico nonostante fossero “rifiuti speciali”, per la cui gestione l’azienda venditrice non disponeva delle previste autorizzazioni di legge.

I tre rappresentanti legali delle ditte e società controllate, sono stati segnalati alle Autorità competenti per il reato di frode in commercio, per illecito smaltimento rifiuti e per la violazione delle norme in materia di sicurezza prodotti; inoltre il commerciante di prodotti importati dal Pakistan è stato denunciato anche per abusi edilizi, avendo cambiato la destinazione d’uso del capannone nel quale operava, trasformandolo da artigianale a commerciale, senza essere stato autorizzato dagli Enti pubblici competenti.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali