Tutti i provvedimenti

Allerta smog arancione ad Alessandria da oggi fino al 21 gennaio

Stop ad auto private fino ad Euro 5 diesel e a veicoli commerciali fino ad Euro 4 dalle 8.30 fino alle 18.30.

Allerta smog arancione ad Alessandria da oggi fino al 21 gennaio
Cronaca Alessandria città, 18 Gennaio 2021 ore 14:25

In base al "Protocollo operativo per l'attuazione delle misure urgenti antismog" il Comune di Alessandria si trova posizionato al livello 1 (allerta di 1° livello - Arancio) da oggi martedì 19 gennaio 2021 fino a giovedì 21 gennaio 2021 compreso.

Allerta smog arancione ad Alessandria da oggi fino al 21 gennaio

TI POTREBBE INTERESSARE: Stop agli Euro4 e diesel, le Regioni dicono no

Come comunicato dall'Amministrazione comunale di Alessandria, da oggi 19 gennaio 2021 fino a giovedì 21 gennaio 2021, in città sarà in vigore l'allerta smog arancio. Queste saranno i provvedimenti temporanei che verranno adottati:

1. stop delle auto private di classe emissiva fino a EURO 5 diesel dalle ore 8.30 alle ore 18.30;
2. stop dei veicoli commerciali diesel fino a EURO 4 dalle ore 8.30 alle 18.30;
3. divieto di sosta con il motore acceso;
4. divieto di utilizzo dei generatori a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con classe di prestazioni energetiche ed emissive almeno per la classe 3 stelle;
5. divieto assoluto di combustioni all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio ecc.);
6. introduzione del limite di 19°c (con tolleranza di 2°c) per le medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali;
7. divieto di spandimento di liquami zootecnici.
Dal 1° gennaio 2021, inoltre, per le limitazioni stabili (Livello 0 - nessun'allerta), il divieto di circolazione dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 18.30, è stato esteso alla classe emissiva EURO 4. Il 9 gennaio 2021 con Decreto del Presidente della Regione n. 3 è stato ordinato che fino al 31 gennaio 2021 (vista l'emergenza sanitaria) l'EURO 4 potrà circolare ma solo per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità (tra cui l’accompagnamento dei figli presso le istituzioni scolastiche) o d’urgenza ovvero per motivi di salute o per consentire il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza, producendo un’autodichiarazione.