Menu
Cerca
Covid-19

Anticorpi monoclonali, eseguito primo trattamento in Piemonte all’ospedale di Alessandria

Nella serata di ieri è giunto in ospedale un paziente con sintomatologia sospetta per Covid-19. Gli accertamenti hanno confermato che fosse possibile sottoporlo al nuovo trattamento.

Anticorpi monoclonali, eseguito primo trattamento in Piemonte all’ospedale di Alessandria
Cronaca Alessandria città, 24 Marzo 2021 ore 20:25

Primo trattamento con anticorpi monoclonali in un paziente Covid-19 nella Regione Piemonte: oggi, mercoledì 24 marzo 2021, presso l’Azienda Ospedaliera “SS Antonio e Biagio e C. Arrigo” di Alessandria è stata effettuata la somministrazione ad un paziente che presentava le caratteristiche per il trattamento.

E’ la prima volta in Piemonte

Lo annuncia l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi:

“Insieme al protocollo delle cure domiciliari e ai vaccini – osserva Icardi -, gli anticorpi monoclonali forniscono al Piemonte un’arma in più contro covid-19 nella fase precoce della malattia. E’ un’opportunità importante, perché consente di affrontare il virus in modo attivo, senza aspettare l’aggravarsi del quadro clinico del paziente. In questo caso, si tratta di una cura da praticare in ambulatorio specializzato o in ospedale, ma l’aspetto fondamentale rimane la corretta e tempestiva interazione tra il sistema di medicina territoriale e gli ospedali. Una strategia che in Piemonte sta producendo risultati molto incoraggianti”.

Il primario delle Malattie Infettive Guido Chichino dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria riferisce che ieri sera si è presentato al Dea un paziente con sintomatologia sospetta per Covid-19. Gli accertamenti eseguiti hanno confermato la diagnosi e stamane il paziente è stato arruolato per eseguire trattamento con anticorpi monoclonali (bamlanivimab).

TI POTREBBE INTERESSARE: Il Governo vuol riaprire la scuola primaria anche in zona rossa

Il trattamento è stato effettuato in seguito alla proposta della presa in carico da parte dei medici del Dea e la conferma dello specialista infettivologo. Il farmaco è stato autorizzato dall’Aifa. La somministrazione del farmaco è avvenuta senza problemi ed il paziente è stato dimesso nel pomeriggio. Presso l’Azienda Ospedaliera di Alessandria è stato creato un registro per il monitoraggio sia clinico che scientifico-osservazionale di questi trattamenti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli