Arcelor Mittal S.p.A. di Novi, l’azienda chiede di smaltire tutte le ferie

Intervengono le Rappresentanze Sindacali per capirne la motivazione.

Arcelor Mittal S.p.A. di Novi, l’azienda chiede di smaltire tutte le ferie
Novi e Arquata, 04 Luglio 2019 ore 12:04

Con un incontro tenutosi nello stabilimento Arcelor Mittal S.p.A. di Novi Ligure l’azienda ha comunicato alle Rappresentanze Sindacali Unitarie (R.S.U.) un piano di smaltimento ferie che porterà i lavoratori ad azzerare le stesse entro il 30 settembre.

Sarà cassa integrazione?

Le motivazioni fornite in merito alla decisione presa non ci hanno convinto nella maniera più assoluta, è stato chiesto se questa operazione porterà all’apertura della cassa integrazione a Novi ad ottobre ma al momento tale ipotesi non è stata confermata.

La Fiom-Cgil di Novi Ligure rivendica la mancanza di investimenti sulla sicurezza negli impianti di Novi Ligure, l’organico che, rispetto all’accordo del 6 settembre è mancante di circa 20 unità e l’aspetto produttivo che preoccupa non solo a causa dell’incidente avvenuto al trasformatore andato in fiamme qualche mese fa.

Se la situazione non cambierà ci riserviamo di prendere qualsiasi tipo di iniziativa nei confronti di decisioni unilaterali dalle quali prendiamo le distanze nella maniera più assoluta.

 

LEGGI ANCHE: Buone notizie: ritirato il licenziamento del dipendente dell’Outlet di Serravalle

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità