Overbooking categoria appartenenza

Dosi vaccino Covid avanzate: in Piemonte attivate le liste d’attesa

Il governatore Alberto Cirio spiega come sarà organizzato il piano anti spreco e chi ne avrà diritto.

Dosi vaccino Covid avanzate: in Piemonte attivate le liste d’attesa
Cronaca Alessandria città, 22 Marzo 2021 ore 14:49

Regione Piemonte recepisce le direttive nazionali e si allinea a quanto espresso dal nuovo commissario straordinario il generale Francesco Figliuolo: “Nessuna dose si vaccino vada sprecata”. Il governatore Alberto Cirio ha spiegato come funzionerà la lista d’attesa.

La strategia piemontese per non sprecare dosi di vaccino

Come riporta "Prima Torino", in Piemonte ci si sta attrezzando per effettuare vaccini ‘last-minute’. Chi appartiene a una categoria prioritaria sarà informato all’ultimo momento della possibilità di ricevere il vaccino. Per tutte le informazioni dettagliate consultare il sito di Regione Piemonte.

Le precisazioni di Cirio

“Prima di tutto bisogna essere chiari. Non vuol dire che se alla fine della giornata su 100 prenotati in un centro vaccinale ne sono venuti 90, i 10 mancanti posso prenderli da chi passa per strada e fargli il vaccino. Non funziona così. Noi abbiamo fatto un overbooking nella categoria di appartenenza“.

ha spiegato Alberto Cirio.

“Se sono un insegnante e mi hanno fissato per fine aprile mi iscrivo al ‘last-minute’ in modo da essere informato due ore prima per andare al centro vaccinale e ricevere una dose della giornata. È un last-minute vincolato. Vaccinare chi passa? Questa dichiarazione ha avuto una grossa eco ma non deve essere fraintesa.

Si possono introdurre degli overbooking, delle liste di riserva, ma devono riguardare persone della stessa categoria di priorità: ad esempio, se nella categoria over 80 ci sono delle rinunce si può contattare solo un ultraottantenne già in lista e chiedergli se vuole anticipare il giorno della somministrazione.

TI POTREBBE INTERESSARE: In attesa del certificato verde Ue per viaggiare, c'è già il VaxPass

Oggi il vaccino deve essere somministrato a chi ha la priorità. Questo discorso non varrà più quando scatterà la vaccinazione di massa”.