E’ San Valentino, ridiamoci su: frasi e immagini da inviare FOTO

Messaggi simpatici adatti a tutti, anche ai meno romantici.

E’ San Valentino, ridiamoci su: frasi e immagini da inviare FOTO
14 Febbraio 2019 ore 16:18

E’ San Valentino, ridiamoci su: frasi e immagini da inviare. Messaggi simpatici adatti anche ai meno romantici.

E’ San Valentino

Oggi è San Valentino. Volente o nolente tutti lo sanno. C’è chi lo evita, chi lo detesta, chi non può festeggiarlo e chi invece che lo attende con trepidazione tutto l’anno.

In qualunque dei casi tocca ricordarlo e perché no, prenderla anche un po’ con ironia.

Abbiamo pescato sul web alcune immagini divertenti e curiose, ideali per chi in questa giornata smielata cerca un messaggio “diverso” da inviare all’altra metà o semplicemente agli amici.

Ecco la nostra selezione

9 foto Sfoglia la gallery

Perché si festeggia?

Ma già che ci siamo sapete perché è la festa degli innamorati? O meglio sapete perché il santo di Terni, vescovo e martire cristiano, è considerato il patrono degli innamorati?  Ve lo spieghiamo qui.

La storia di San Valentino martire

Nato a Interamna Nahars, oggi Terni, in una famiglia patrizia nel 176, fu convertito al cristianesimo e consacrato vescovo di Terni nel 197, a soli 21 anni. Invitato dall’imperatore Claudio II il Gotico a sospendere la celebrazione religiosa e ad abiurare la propria fede, rifiutò di farlo, tentando anzi di convertire l’imperatore al cristianesimo. Claudio II lo graziò dall’esecuzione capitale affidandolo a una nobile famiglia. Valentino venne arrestato una seconda volta sotto Aureliano, succeduto a Claudio II.

L’impero proseguiva nelle sue persecuzioni contro i cristiani e, poiché la popolarità di Valentino stava crescendo, i soldati romani lo catturarono e lo portarono fuori città lungo la via Flaminia per flagellarlo, temendo che la popolazione potesse insorgere in sua difesa. Fu decapitato il 14 febbraio 273, a 97 anni, per mano del soldato romano Furius Placidus, agli ordini dell’imperatore Aureliano.

Secondo alcune fonti Valentino sarebbe stato giustiziato perché aveva celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano: la cerimonia avvenne in fretta, perché la giovane era malata; i due sposi morirono, insieme, proprio mentre Valentino li benediceva. A chiudere il cerchio della tragedia sarebbe poi intervenuto il martirio del celebrante.

 

VEDI ANCHE: