Una lieta notizia

Frana del Gnocchetto: finanziati per 650mila euro i lavori di messa in sicurezza

Il Ministero nell'ambito dei lavori alluvionali 2019 ha finanziato gli interventi che consentiranno di ripristinare la corretta viabilità sulla Sp 456, la strada del Turchino tra Ovada e Masone.

Frana del Gnocchetto: finanziati per 650mila euro i lavori di messa in sicurezza
Cronaca Acqui e Ovada, 10 Febbraio 2021 ore 11:21

E’ l’Unione dei Comuni delle valli Stura, Orba e Leira a riportare la lieta notizia. Come annunciato dal Presidente della Provincia di Alessandria, Gianfranco Baldi, l’intervento di messa in sicurezza del movimento franoso in località Gnocchetto (Ovada) è stato finanziato per 650mila euro dal Ministero nell’ambito dei lavori alluvionali 2019.

Finanziati i lavori sulla frana del Gnocchetto

Un punto di partenza che si concluderà, si spera nel più breve tempo possibile, a rendere nuovamente agibile la Sp 456, la Strada del Turchino tra Ovada e la Valle Stura che in località Gnocchetto è interessata da più di un anno da un fronte franoso che le pende proprio “sopra la testa”. La Provincia, a seguito di tale calamità, aveva deciso di interrompere al traffico veicolare attraverso delle barriere fisiche. Tale problematicità sulla strada provinciale ha prodotto come effetto quello di generare notevoli disagi lungo la A26 tra Masone e Ovada.

Come riportato dalla pagina Facebook “Unione di Comuni Stura Orba Leira“, il Presidente della Provincia di Alessandria, Gianfranco Baldi, ha fatto sapere che, finalmente, l’intervento di messa in sicurezza del movimento franoso in località Gnocchetto (Ovada) è stato finanziato per 650mila euro:

“La cifra, messa a bilancio dal Ministero, sarà messa a disposizione della Provincia di Alessandria per poter procedere agli incarichi ai Tecnici ed alla messa a gara dei lavori per individuare le ditte che provvederanno. Dopo oltre un anno di disagi e immobilismo, finalmente una buona notizia! In attesa dell’ufficialità di quanto ci è stato comunicato per le vie brevi, siamo in costante contatto con il Presidente e le sue strutture per conoscere tempistiche ed ulteriori sviluppi. Riteniamo sia un risultato importante ottenuto anche grazie all’importante mobilitazione della Popolazione, delle nostre Amministrazioni comunali e dei Comitati: a ciascuno abbia contribuito alla nostra battaglia va il grande grazie che oggi sentiamo di poter finalmente condividere! Manterremo alta l’attenzione sulle prossime fasi che auspichiamo portino al più presto alla riapertura della viabilità!”.

TI POTREBBE INTERESSARE: Strada del Turchino, “Capitan Ventosa” nei luoghi della fronte franoso FOTO

Nuove segnaletiche stradali

Sempre l’Unione dei Comuni delle valli Stura, Orba e Leira ha fatto sapere che nel corso della giornata dello scorso sabato, 6 febbraio 2021, l’Anas ha provveduto ha all’installazione di tre nuove segnaletiche stradali relative alla chiusura della SP 456 in località Gnocchetto.

“I cartelli si trovano presso: la rotonda all’uscita del casello autostradale di Masone; l’incrocio tra Via G.Airenta e Via A. Repetto a Rossiglione; all’altezza dello slargo stradale in Via Fratelli Pesce a Rossiglione (ultimo punto di inversione possibile per gli automezzi più lunghi di 10m). Inoltre, durante l’incontro di mercoledì 3 febbraio tenutosi tra i sindaci dell’Unione di Comuni SOL e l’Assessore regionale alla Protezione Civile Giampedrone, il Vicesindaco di Masone Omar Missarelli ha rivolto all’Ing. Fabrizio Cardone, responsabile del Procedimento in fase di esecuzione dei lavori di ANAS SpA, una richiesta di verifica nei pressi della località Serenella (SP 456 del Turchino – dal km 93 + 200 al km 93 + 350), dove da diversi mesi è in corso un progressivo abbassamento della sede stradale: ANAS ha garantito che nei prossimi giorni sarà organizzato un sopralluogo con i tecnici”.

5 foto Sfoglia la gallery

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli