Menu
Cerca
La ricostruzione dei fatti

Maxi rissa a Gavi dopo le 22, i carabinieri identificano tre partecipanti

Botte da orbi scoppiate per futili motivi e per alterazione da alcol: due dei tre giovani identificati hanno riportato forti lesioni guaribili in 20 giorni.

Maxi rissa a Gavi dopo le 22, i carabinieri identificano tre partecipanti
Cronaca Novi e Arquata, 13 Maggio 2021 ore 12:59

Una maxi rissa che si è verificata a Gavi, in provincia di Alessandria, nella serata dello scorso sabato 8 maggio 2021 dopo le 22 tra una decina di ragazzi. Le indagini svolte da parte dei Carabinieri sono riuscite ad individuare tre partecipanti della zuffa giovanile.

Individuati tre partecipanti alla maxi rissa di Gavi

Sabato scorso, poco dopo le 22, a Gavi era scoppiata una maxi rissa fra una decina di ragazzi che si sono dati alla fuga poco prima dell’arrivo dei Carabinieri. La Stazione Carabinieri di Gavi ha avviato immediatamente le indagini, riuscendo a ricostruire l’accaduto e a identificare tre dei partecipanti, uno dei quali già noto alle Forze dell’Ordine.

I tre giovani sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura di Alessandria per il reato di rissa. In particolare, le indagini hanno consentito di appurare che la rissa, scoppiata tra ragazzi del posto per futili motivi e per lo stato di alterazione dovuto all’abuso di alcool di alcuni di loro, sebbene durata pochi minuti, era stata particolarmente violenta.

I tre denunciati ne portano ancora i segni, tanto che su due di loro, recatisi nei giorni successivi al Pronto Soccorso, sono state riscontrate lesioni giudicate guaribili in ben venti giorni.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cabina di regia lunedì 17 maggio: coprifuoco cambia dal 24 maggio

Le indagini proseguono al fine di identificare gli altri partecipanti. In relazione al progressivo allentamento delle misure di contenimento del Covid-19 e alla riapertura dei locali, la Compagnia Carabinieri di Novi Ligure continuerà a monitorare i luoghi di aggregazione, soprattutto in orario serale, per prevenire e reprimere eventuali analoghe situazioni.