A Pontecurone

Minaccia i carabinieri brandendo un bottiglia di vetro, in manette spacciatore di cocaina

Arrestato in 42enne di origini marocchine che era stato segnalato per ubriachezza molesta nei pressi del bar "Opera Café".

Minaccia i carabinieri brandendo un bottiglia di vetro, in manette spacciatore di cocaina
Cronaca Tortona, 09 Luglio 2021 ore 09:27

I militari dell'Arma, nel corso della serata di lunedì 5 luglio 2021, sono dovuti intervenire nel bar "Opera Café" di via Roma a Pontecurone dove era stata segnalata la presenza di un soggetto in evidente stato di ubriachezza molesta. Il 42enne di origini marocchine è stato arrestato per minaccia a pubblico ufficiale e denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Minaccia i Carabinieri con una bottiglia di vetro

Nell’ambito di specifici accertamenti successivi alla richiesta di intervento al NUE112, i Carabinieri della Compagnia di Tortona hanno arrestato un 42enne di origini marocchine per minaccia a pubblico ufficiale e denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Nel corso della serata di lunedì 5 luglio 2021, i Carabinieri di Pontecurone sono intervenuti nei pressi del bar “Opera Cafè” ubicato alla via Roma del Comune di Pontecurone, dove era stato segnalata la presenza di un soggetto in evidente stato di ubriachezza molesta.

Gli operanti giunti sul posto, hanno subito individuato l’aggressore. Quest'ultimo ha tentato, invano, di eludere il controllo fuggendo a piedi e minacciando i militari brandendo un collo di bottiglia in vetro, venendo tuttavia prontamente bloccato.

TI POTREBBE INTERESSARE: Atterra a Malpensa con la valigia piena di finti tartufi ripieni di... eroina

La successiva perquisizione personale e locale ha consentito di rinvenire all’interno della tasca dei pantaloni un involucro in plastica contenente 7,42 grammi di cocaina e 240 euro in contanti riconducibili all’attività di spaccio. L’uomo, al termine delle formalità di rito, è stato ristretto presso le camere di sicurezza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che convalidava l’arresto sottoponendolo all’obbligo di firma.