Natale, tempo di regali e di truffe informatiche

I carabinieri smascherano gli autori di una serie di raggiri online sui siti di ecommerce.

Natale, tempo di regali e di truffe informatiche
Monferrato, 13 Novembre 2019 ore 14:26

Natale, tempo di regali e di acquisti online dei prodotti da mettere sotto l’albero. Perciò tempo anche di truffe informatiche.

Frode da web shopping

Nel corso dell’ultimo periodo, con l’avvicinarsi del periodo natalizio, la Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato ha impiegato molte risorse investigative nel campo della prevenzione e repressione dei reati informatici, alla luce dell’aumento delle truffe online sempre più frequenti ed elaborate. Il volume degli affari generati dal Web shopping è cresciuto in maniera esponenziale, mettendo in evidenza anche un aumentato interesse delle aziende e dei consumatori verso i mercati stranieri. Tuttavia, in rete, la piena tutela del consumatore appare difficile da raggiungere, soprattutto se si decide di comprare all’estero, dove vige una normativa differente.

Operazione a Occimiano

I Carabinieri di Occimiano, a conclusione di articolate indagini in seguito alla denuncia presentata da un casalese, hanno denunciato in stato di libertà per truffa in concorso una 59enne della provincia di Padova, un 19enne e un 21 della provincia di Treviso, tutti con precedenti.

Come agivano

Gli indagati contattavano utenti che avevano pubblicato annunci di vendita di oggetti sul portale Subito.it, mostrandosi interessati all’acquisto dei prodotti pubblicizzati e all’immediato pagamento con vaglia online, riservandosi di ritirarlo, invitando il venditore a raggiungere un Postamat per eseguire l’operazione. In seguito, il venditore contattava l’acquirente, il quale simulava la dettatura di un codice vaglia online, inducendo in errore il venditore, che, dopo aver digitato le proprie credenziali, inseriva il codice fornito, che altro non era che il numero della carta Postepay in uso ai truffatori, su cui il venditore versava l’importo, anziché riceverlo. La truffa è stata ripetuta più volte in tutto il territorio nazionale. L’identificazione è stata possibile grazie a un’attenta analisi dei tabulati telefonici intestati ai truffatori.

Aspirapolvere a Pontestura

I Carabinieri di Pontestura, a conclusione degli accertamenti in seguito alla denuncia presentata da una donna del posto, hanno denunciato in stato di libertà per truffa un 41enne di Taranto con precedenti di polizia, poiché, dopo avere messo in vendita un’aspirapolvere sul sito Subito.it al prezzo di 280 euro e fattosi versare i soldi sulla sua carta Postepay, si era reso irreperibile.

Appartamento in affitto

I Carabinieri di Balzola, a conclusione degli accertamenti in seguito alla denuncia presentata da una 31enne di Villanova Monferrato, hanno denunciato in stato di libertà per truffa una 36enne di Castelnuovo Scrivia poiché avrebbe messo in affitto su un sito internet specializzato un appartamento nel Comune di Cefalù (PA) e, una volta ricevuta come caparra la somma di 200 euro dalla querelante, si rendeva irreperibile.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità