Operati due gemellini prematuri con la terapia intravitreale

Ospedale di Alessandria: l'oculistica è tra i pochi centri in Italia a praticare questa innovativa tecnica di cura.

Operati due gemellini prematuri con la terapia intravitreale
Alessandria città, 17 Febbraio 2019 ore 22:03

Due gemellini di 800 grammi nati alla 25° settimana di gravidanza eaffetti da una grave forma della cosiddetta “retinopatia del bambino pre termine” (in sigla, Rop) sono stati operati ad Alessandria con la terapia intravitreale.

Rop:la prima causa di cecità infantile nei Paesi occidentali

Si tratta di una malattia che colpisce la retina del neonato prematuro e attualmente rappresenta la prima causa di cecità infantile nei Paesi occidentali, complicata dalla prematurità del paziente e dalla rapidità di evoluzione. Proprio per questo motivo, una volta raggiunta la soglia del trattamento, è necessario intervenire con il laser per evitare che la patologia si aggravi con il distacco della retina fino alla compromissione della vista.

Quando un bambino nasce prematuro tutti gli apparati e gli organi sono ancora in via di sviluppo, compresa la retina che presenta una vascolarizzazione ancora embrionale.

La frequenza e la gravità della ROP sono tanto maggiori quanto minore è l’età gestazionale e il peso alla nascita, ma lo sviluppo tecnologico raggiunto in questo ambito oggi permette la sopravvivenza anche di bambini nati al sesto mese.

L’Azienda Ospedaliera di Alessandria è all’avanguardia nell’assistenza a bambini estremamente prematuri grazie al lavoro sinergico di estrema qualità tra la Terapia Intensiva Neonatale e l’Oculistica che fa parte del Gruppo di Studio Italiano per la ROP. Nello specifico gli oculisti dell’Azienda Ospedaliera sottopongono ogni settimana i neonati prematuri a visite di screening in incubatrice e monitorano lo sviluppo della retina per individuare precocemente la malattia.

La terapia intravitreale

I due gemellini, però, a causa dell’estrema prematurità, presentavano una forma molto aggressiva di ROP non rispondente al laser. È stato quindi necessario ricorrere a un’innovativa tecnica di cura: la terapia intravitreale.

L’azienda ospedaliera cittadina è tra le poche in Italia, e l’unica in Piemonte, a utilizzare questa pratica, oggetto dello studio mondiale Rainbow, cui ha preso parte il reparto di Oculistica:

“I neonati – si legge in una nota dell’ospedale – sono stati sottoposti a un’iniezione intraoculare di farmaci antiangiogeni, con immediata scomparsa della vascolarizzazione patologica e della vascolarizzazione embrionale del cristallino. A distanza di alcuni mesi, una volta migliorate le condizioni generali e oculari, i piccoli hanno subìto anche il trattamento laser per stabilizzare il quadro clinico”.

Ora i gemellini sono a casa

Ora i gemellini, dopo mesi di ricovero, sono finalmente a casa e proseguono il percorso di crescita in un ambiente familiare, con la retina perfettamente aderente.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità