Operazione “stazioni sicure”, controlli straordinari della Polfer

1115 persone identificate, di cui 3039 stranieri, 121 bagagli controllati, 8 sanzioni amministrative.

Operazione “stazioni sicure”, controlli straordinari della Polfer
02 Febbraio 2020 ore 14:16

Operazione “stazioni sicure”, prima giornata di controlli straordinari della Polfer.

Operazione “stazioni sicure”

1115 persone identificate, di cui 3039 stranieri, 121 bagagli controllati, 8 sanzioni amministrative elevate in materia di sicurezza ferroviaria: questo il bilancio dell’operazione “stazioni sicure”, promossa dal Servizio di Polizia Ferroviaria a livello nazionale, che ha visto impegnati 54 operatori della Polizia Ferroviaria nelle stazioni ferroviarie del Piemonte e Valle d’Aosta nella giornata di giovedì 30 gennaio u.s.

Controlli straordinari

Gli Agenti si sono adoperati ad effettuare accertamenti su viaggiatori e bagagli, sia in stazione che a bordo treno, con l’uso del metal detector e delle più recenti tecnologie che consentendo un disbrigo più rapido delle procedure di identificazione e permettono un maggiore numero di controlli di Polizia effettuabili grazie l’immediato accesso alle banche dati.

Nel dettaglio

Complessivamente sono stati scortati 237 convogli in arrivo e partenza nelle stazioni monitorate.
Le stazioni interessate dai servizi disposti sono state Torino Porta Nuova, Torino Porta Susa, Torino Lingotto, Carmagnola, Chivasso, Bardonecchia, Oulx, Alessandria, Arquata Scrivia, Serravalle Scrivia, Novara, Arona, Borgomanero, Asti, Cuneo Alba, Bra, Vercelli, Santhià, Aosta e Domodossola.
Durante tutto il dispositivo dei servizi personale del Posto Polfer di Chivasso e del Settore Operativo di Torino Porta Nuova hanno rintracciato due minorenni, che si aggiravano nelle rispettive stazioni e che arbitrariamente si erano allontanati dalle comunità ove erano ospitati.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: