grave episodio di violenza

Paziente aggredisce infermiera all’ospedale di Alessandria

La donna ha subito lesioni al volto, alla schiena e al bacino. 

Paziente aggredisce infermiera all’ospedale di Alessandria
Alessandria città, 04 Settembre 2020 ore 15:16

Paziente aggredisce infermiera all’ospedale di Alessandria, l’uomo le avrebbe scagliato contro un carrello di metallo ferendo la donna che è dovuta ricorrere a cure mediche.

Paziente aggredisce infermiera all’ospedale di Alessandria

«Mentre raccontiamo di questo episodio, stentiamo ancora a credere a quanto sia accaduto, non possiamo e non vogliamo fare l’abitudine a quanto continua a verificarsi fuori e dentro gli ospedali italiani». Così Antonio De Palma, Presidente del Sindacato Nursing Up, racconta quanto accaduto ad Alessandria nelle ultime ore.

I fatti

«I nostri referenti regionali del Piemonte ci informano di un nuovo gravissimo episodio di violenza, l’ennesimo, avvenuto ai danni un infermiere – spiega De Palma – In questo caso una donna, una nostra collega, che nel pieno della sua attività professionale, davanti agli occhi di altri componenti del personale sanitario, è stata colpita vilmente alle spalle e al bacino da un carrello di metallo. In quel momento si stava occupando di un paziente. Nonostante la presenza di altri componenti del personale sanitario non è stato possibile in alcun modo arginare sul nascere la rabbia dell’uomo, che dopo aver inveito sulla donna, mentre lei si allontanava inconsapevole del rischio che correva, l’ha colpita alle spalle lanciandole contro un carrello metallico e mandandola al pronto soccorso. E mentre la nostra infermiera ha anche sporto questa mattina denuncia ai carabinieri della locale stazione, noi siamo qui, inermi, di fronte a questi episodi, a commentare quanto accaduto».

Episodio gravissimo

Il presidente Nursing Up prende posizione contro “l’atteggiamento sordo ed indifferente di un Governo pronto ad annunciare con toni trionfalistici una legge fantasma ma che tuttavia, prova ne sia la gravità di quanto è accaduto, non sembra in alcun modo essere in grado di tutelare in maniera reale e pragmatica gli infermieri e gli altri operatori sanitari” si legge nella nota ufficiale diffusa dal sindacato.

Parole dure

«A cosa serve inasprire le pene, quando non ci si è mai posti il problema di attuare strategie e azioni mirate in ogni azienda sanitaria, atte ad arginare sul nascere il fenomeno delle violenze fuori e dentro gli ospedali? – sbotta De Palma – Un uomo alterato, con chiari segni di squilibrio, non ha certo pensato a frenare i propri istinti bestiali, non avendo affatto timore di quella bella legge appena approvata ed alle pene che essa prevede. Questo Governo avrebbe dovuto ascoltare le proposte di chi gli infermieri li rappresenta ogni giorno negli ambienti di lavoro.  Siamo stanchi di tutto questo: non veniamo ascoltati, non veniamo coinvolti nelle decisioni che riguardano la nostra attività e il nostro futuro. Ci rechiamo a lavoro correndo il rischio di non tornare più a casa oppure di tornarci per presentarci ai nostri figli, ai nostri mariti, come nel caso della nostra collega, con un volto tumefatto o delle lesioni alla schiena e al bacino”.

“Il nemico la vostra indifferenza”

“Il Nursing Up – conclude De Palma – continuerà a sostenere gli infermieri italiani contro questo odioso fenomeno. Se necessario anche nelle azioni legali verso i datori di lavoro, che sono responsabili legalmente e che devono garantire agli infermieri lo svolgimento di una attività lavorativa scevra da rischi di questo tipo. Perchè non si deve dimenticare che noi dovremmo essere chiamati ad occuparci dei pazienti in una condizione di serenità, quando invece dobbiamo scendere in campo armati di scudo ed elmetto perché siamo in guerra. Cari signori della politica che ci leggete e che tacete facendo finta di nulla, qui il vero nemico non si chiama né Covid né Pandemia, per noi infermieri il mostro da affrontare ogni giorno è la vostra indifferenza».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità