Menu
Cerca
Operazione "Lavo & Cucio"

Riciclavano ingenti quantità di denaro con le lavanderie, indagata una famiglia legata alla ‘Ndrangheta

Denunciati i cinque titolari, tutti membri dello stesso nucleo familiare, del marchio "Lava & Cuce" ubicato in tre sedi ad Alessandria, Novi e Serravalle.

Riciclavano ingenti quantità di denaro con le lavanderie, indagata una famiglia legata alla ‘Ndrangheta
Cronaca Alessandria città, 06 Aprile 2021 ore 09:21

Un’operazione conclusa dai militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Alessandria unitamente a personale della Compagnia Carabinieri di Novi Ligure. Ad essere denunciate sono stati i 5 membri di un nucleo familiare legato alla ‘Ndrangheta titolari delle lavanderie “Lava & Cuce”, ubicate in tre differenti sedi sul territorio alessandrino. Le accuse a loro carico riguardano trasferimento fraudolento di valori, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e riciclaggio.

Operazione “Lavo & Cucio”

E’ stata ribattezzata “Lavo & Cucio” l’operazione che ha permesso di incastrare i cinque membri del nucleo familiare facente riferimento a M. B., 41enne calabrese, residente a Novi Ligure. Un’attività investigativa condotta dai carabinieri del Comando Provinciale di Alessandria, unitamente alla Compagnia di Novi Ligure, avviata verso la fine del 2019 e che si è conclusa nei giorni scorsi grazie allo smascheramento della gestione illecita, da parte della famiglia indagata, di tre lavanderie, con marchio “Lava & Cuce”, presenti nei centri commerciali Bennet di Novi, Iper di Serravalle e Panorama di Alessandria.

Di fatto condotte da M.B., ma formalmente riconducibili ad imprese individuali intestate fittiziamente ai familiari del medesimo, avevano lo scopo di sottrarsi al pagamento delle imposte sul reddito. Gli approfondimenti investigativi hanno permesso di riscontrare la realizzazione, da parte delle citate attività commerciali – che a seguito del sequestro già state affidate ad un amministratore giudiziario contestualmente nominato dal Tribunale – di ingenti profitti allo stato non ancora quantificati nel dettaglio.

Il legame con la ‘Ndrangheta

L’attività della lavanderia di Serravalle Scrivia era stata originariamente avviata nel 2012 da G.P., pluripregiudicato 43enne di Lamezia Terme (CZ). Quest’ultimo era già affiliato alla locale cosca “Iannazzo-Cannizzaro-Daponte”, killer di ‘ndrangheta con la dote della “Santa”, autore materiale di diversi omicidi – il primo dei quali commesso all’età di soli 15 anni – laureato in giurisprudenza, detto “L’Avvocato”, noto per la sua spiccata capacità imprenditoriale.

Legatosi al territorio alessandrino soprattutto dopo il trasferimento, da Lamezia Terme a Serravalle Scrivia, nel 2012, della sua società attiva nel settore dell’edilizia e della ristorazione. G. P., sentito anche nell’ambito della più nota indagine denominata “Rinascita-Scott”, ha svelato le sue verità sulle dinamiche ‘ndranghetiste, delineando il salto di qualità perseguito dall’organizzazione criminale calabrese e gli accordi fra i vari clan, anche al fine di spartirsi una “fetta di torta” sui lavori autostradali della Salerno-Reggio Calabria.

La lavanderia di Serravalle Scrivia, intestata fittiziamente da G.P. alla moglie, veniva successivamente ceduta, nel 2013, alla moglie di M.B., uomo di fiducia di G.P., che nel timore di poter essere colpito da provvedimenti restrittivi e da misure di prevenzione personali e/o reali decideva di cederla solo sulla carta, rimanendone, in realtà, comunque fruitore dei guadagni.

Infatti, nel maggio 2015 G.P. veniva tratto in arresto nell’ambito dell’operazione “Andromeda”, coordinata dalla DDA di Catanzaro, talché l’attività commerciale da lui occultamente condotta passava sotto la gestione di fatto di M.B., che via via la ampliava con l’avvio di altri due esercizi di lavanderia con analogo marchio “Lava & Cuce”, a Novi Ligure e ad Alessandria, rispettivamente con sede presso i centri commerciali “Bennet” e “Panorama”.

Le accuse e i sequestri

A conclusione dell’attività investigativa i Carabinieri di Alessandria e Novi Ligure, hanno dato esecuzione, nei confronti di M. B. e dei suoi familiari (fratello, G.B. 36enne; madre, F.C., 65enne; moglie convivente, T.A., 36enne e suocera, A.B., 56enne), responsabili, in concorso e a vario titolo, dei reati di trasferimento fraudolento di valori, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e auto-riciclaggio, all’ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame di Alessandria.

TI POTREBBE INTERESSARE: Un italiano su due sarebbe ben disposto a pagare per il vaccino: ecco quanto

L’appello del Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Alessandria, dr. Tiziano Masini, titolare delle indagini, avverso il provvedimento del gip dr. Bargero, ha disposto il sequestro preventivo, funzionale alla confisca, dei sottonotati beni, il cui valore è in corso di progressiva compiuta valutazione, rispettivamente riferibili a:

M.B.:

  • una Porsche Cayenne e una BMW X1 con targa tedesca;
  • la totalità dei fondi giacenti: o su tutti i conti correnti da lui accesi presso vari Istituti di Credito tra cui 3 presso la Banca Credito Cooperativo Mediocrati; o sui finanziamenti a lui erogati da vari Istituti di Credito e/o Finanziarie;
  • tutte le varie carte di credito riferibili/collegate ai predetti conti;

G.B.:

  • partita iva ed iscrizioni presso i competenti enti dell’omonima impresa individuale con sede in Serravalle Scrivia;
  • totalità fondi presenti su ogni altro rapporto con saldo attivo, nonché le disponibilità economiche e finanziarie, incluse cassette di sicurezza, versamenti in denaro, in assegni circolari o bancari, bonifici o contanti e ogni ulteriore rapporto bancario con il rispettivo ammontare presso tutti gli istituti di credito presenti sul territorio nazionale, relativi alla predetta impresa individuale a lui intestata;
  • totalita’ fondi giacenti sui conti correnti da lui accesi, tra i quali uno presso quell’ufficio postale;

F.C.:

  • partita iva ed iscrizioni presso i competenti enti dell’omonima impresa individuale a lei intestata, con sede in Serravalle Scrivia;
  • totalità fondi presenti su ogni altro rapporto con saldo attivo, nonché le disponibilità economiche e finanziarie, incluse cassette di sicurezza, versamenti in denaro, in assegni circolari o bancari, bonifici o contanti e ogni ulteriore rapporto bancario con il rispettivo ammontare presso tutti gli istituti di credito presenti sul territorio nazionale, relativi alla predetta impresa individuale a lei intestata;

A.B.:

  • partita iva ed iscrizioni presso i competenti enti dell’omonima impresa individuale con sede in Novi Ligure;
  • totalita’ fondi giacenti sui conti correnti da lei accesi anche presso un ufficio postale di Aprigliano (CS);
  • totalità fondi presenti su ogni altro rapporto con saldo attivo, nonché le disponibilità economiche e finanziarie, incluse cassette di sicurezza, versamenti in denaro, in assegni circolari o bancari, bonifici o contanti e ogni ulteriore rapporto bancario con il rispettivo ammontare presso tutti gli istituti di credito presenti sul territorio nazionale, relativi alla predetta impresa individuale a lei intestata.
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli