Rinnovo del contratto pulizie e multiservizi, al via lo sciopero

Domani da Alessandria partirà un pullman di lavoratori seguiti dalla Uiltucs per partecipare alla manifestazione di venerdì 31 maggio.

Rinnovo del contratto pulizie e multiservizi, al via lo sciopero
Alessandria città, 29 Maggio 2019 ore 11:44

Domani, giovedì 30 maggio 2019 alle 9 dal casello di Alessandria Ovest partirà un pullman di lavoratori seguiti dalla Uiltucs che parteciperanno a Roma il giorno seguente alla manifestazione per il rinnovo del CCNL Pulizie e Multiservizi scaduto da oltre 6 anni.

Contratto pulizie e multiservizi

Stiamo parlando di 600.000 lavoratori in Italia che svolgono servizi essenziali di pulizia negli ospedali, nei tribunali, nelle scuole, in Posta, nelle caserme, in banca e in numerosi altri uffici.

Questi lavoratori sono soggetti deboli che hanno pagato pesantemente le conseguenze della crisi economica, vedendosi ridurre i contratti individuali e il monte ore lavorato che per molti, lo ricordiamo, è pari a meno di 15 ore di lavoro a settimana.

Inoltre questi lavoratori subiscono forti ripercussioni relativamente alla modifica della Legge sugli Appalti, proprio come accade con il Decreto Sblocca Cantieri che ripristina il massimo ribasso per l’aggiudicazione, allargando sempre più il ricorso a subappalti.

La manifestazione di venerdì 31 maggio

La manifestazione coincide con lo sciopero nazionale per l’intera giornata di lavoro di venerdì 31 maggio e nasce per denunciare questa prassi e il mancato rispetto delle leggi che porta, come raccontiamo sempre più spesso, all’estromissione dei lavoratori dall’azienda, alla riduzione o peggio al mancato pagamento della retribuzione spettante e quindi alla perdita del posto di lavoro.
In questa giungla è determinante il rinnovo del contratto nazionale di lavoro per mantenere i diritti acquisiti soprattutto nella delicata fase dei cambi di appalto.

Manifestazione in Piazza Bocca della Verità con inizio a partire dalle 9 di venerdì 31 maggio.

 

LEGGI ANCHE: Tribunale di Alessandria: sentenza a favore di una lavoratrice OSS. Operatori socio sanitario dipendenti delle cooperative sociali tutelati da nuovo contratto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità