In piazza XX Settembre

Rissa a Ovada, denunciati i 5 giovani che avevano aggredito alla testa un 18enne

La lite avrebbe avuto origine dall'apprezzamento troppo eccessivo nei confronti di una ragazza da parte dei 5 giovani denunciati.

Rissa a Ovada, denunciati i 5 giovani che avevano aggredito alla testa un 18enne
Cronaca Acqui e Ovada, 21 Maggio 2021 ore 09:05

Sono stati denunciati i cinque giovani che avevano scatenato la rissa a Ovada in piazza XX Settembre nella serata dello scorso sabato 15 maggio 2021: si tratta di quattro lavoratori di origine kosovara, rispettivamente di 18, 19, 21 e 24 anni e di un italiano di 25 anni, i quali erano ad Ovada perché impegnati nelle opere di rifacimento del tratto autostradale.

Cosa è accaduto in piazza XX Settembre a Ovada

I Carabinieri della Stazione di Ovada hanno denunciato cinque giovani per la rissa avvenuta nella serata di sabato 15 maggio 2021 in piazza XX Settembre. Il tutto aveva avuto origine da un apprezzamento nei confronti di una ragazza che stava trascorrendo la serata in centro ad Ovada, proprio a due passi dalla Stazione Carabinieri.

In quel luogo erano presenti diversi gruppetti di ragazzi poco più che maggiorenni nei pressi di due locali pubblici molto frequentati, soprattutto dopo l’allentamento delle misure anti-Covid. Uno dei gruppi era formato da giovani lavoratori impegnati nelle opere di rifacimento del tratto autostradale e che, alla fine della giornata lavorativa, si erano diretti nella piazza per svagarsi.

La successiva rissa che si è scatenata ha avuto origine da un apprezzamento troppo eccessivo da parte di quest'ultima compagnia di giovani nei confronti di una giovane ragazza del luogo. La situazione sarebbe quindi degenerata a causa del fatto che il gruppo di lavoratori avesse assunta un'ingente quantità di sostanze alcoliche, tanto da arrivare alle mani.

Un 18enne del luogo rimasto ferito

Nel corso della lite, un 18enne del luogo è stato colpito alla testa in modo non grave, necessitando comunque di cure mediche e riportando ferite al cuoio capelluto con prognosi di otto giorni.

L’immediato intervento dei Carabinieri, sopraggiunti anche dalle zone limitrofe, aveva riportato subito la calma. Una decina di giovani sono stati poi accompagnati in Caserma per essere sentiti come testimoni del fatto, al fine di avere una chiara ricostruzione dell'accaduto.

Nella circostanza la calma era già stata ripristinata e nel giro di poco tempo i giovani rimasti avevano fatto rientro a casa. Nelle giornate seguenti, sulla scorta di quanto dichiarato dai testimoni e dal giovane che aveva avuto la peggio, anche grazie alla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza comunali e di un esercizio pubblico, la scena è stata così ricostruita e sono stati identificati gli altri partecipanti, tra l’altro ospiti di un albergo della zona per motivi di lavoro.

TI POTREBBE INTERESSARE: Sì al Green pass europeo, le "scadenze", le restrizioni nei Paesi Ue

Si tratta di quattro kosovari di 18, 19, 21 e 24 anni e di un 25enne italiano. Per tutti è scattata la denuncia in stato di libertà per rissa. Sono in corso ulteriori indagini per verificare se all’evento abbiano partecipato altri soggetti.