Sarà una settimana di caldo record in provincia di Alessandria

In arrivo l'anticiclone subtropicale africano, attese massime fino a 40°C e oltre.

Sarà una settimana di caldo record in provincia di Alessandria
Alessandria città, 24 Giugno 2019 ore 15:23

Allerta caldo sul Piemonte: secondo l’ultimo bollettino Arpa è prevista per i prossimi giorni un’ondata di calore che potrebbe portare sul territorio cuneese temperature percepite fino a 40 gradi.

Forte ondata di caldo

E’ prevista per tutta la settimana  un rinforzo dell’anticiclone subtropicale africano sulle regioni del Nord Ovest che garantirà giornate ben soleggiate dalle Alpi alla Liguria. Il caldo diventerà via via più intenso e fastidioso, specie da metà settimana,  i valori massimi potranno superare i 35°C con punte fino a 40°C sulle pianure piemontesi; valori inferiori sulla Liguria ma con clima molto afoso.

Massima 36°C, la minima di 20°C

Ad Alessandria e provincia è previsto bel tempo con sole splendente per l’intera giornata, non sono previste piogge. Durante la giornata di domani la temperatura massima registrata sarà di 36°C, la minima di 20°C,

Allerte meteo previste: afa.

Possibili colpi di calore

Il bollettino prevede una condizione di disagio con possibili colpi di calore, sensazioni di spossatezza e/o crampi in seguito a attività fisica o prolungata esposizione al sole per cui sono consigliati atteggiamenti di “molta cautela”.

Che cosa sono le ondate di calore

Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione.

I livelli di rischio per la salute previsti dal Ministero sono definiti in relazione alle condizioni climatiche di una specifica città. L’esperienza passata ha mostrato come un’ondata di calore non prevista possa portare esiti letali e gravi danni alla salute della popolazione; in Italia almeno ottomila persone anziane sono decedute come causa diretta dell’ondata di calore dell’estate del 2003: si trattava principalmente di anziani soli, di età superiore a 75 anni e con patologie concomitanti. La prevenzione degli effetti negativi delle onde di calore è possibile: ad esempio, sapere in anticipo che l’ondata di calore sta per arrivare, permette di mirare in maniera ottimale gli interventi preventivi verso le persone a rischio più elevato.

Picco Africano

Atteso per giovedì e venerdì il picco africano, con punte massime previste fino a 40° e oltre.

 

PER MAGGIOR INFORMAZIONI

Molti altri consigli utili sono riportati nel materiale predisposto dalla Regione Piemonte disponibile anche sul sito web  www.regione.piemonte.it e Arpa Piemonte www.arpa.piemonte.it per gli aggiornamenti sui bollettini di previsione delle ondate di calore anche per i giorni a venire.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità