Cronaca
ALESSANDRIA E PROVINCIA

Scassinavano le casette dell'acqua: arrestata una coppia astigiana

L'indagine è ancora in corso

Scassinavano le casette dell'acqua: arrestata una coppia astigiana
Cronaca Alessandria città, 24 Gennaio 2023 ore 09:51

Pianificavano veri e propri raid in gran parte delle regioni padane diventando un vero e proprio incubo per le società di gestione degli apparati automatici self-service di foto-tessere e di quelli per la distribuzione di acqua potabile, le cosiddette “casette dell’acqua”. Per questa ragione i Carabinieri della Compagnia di Villanova D’Asti, pochi giorni fa, a Torino e Alessandria, hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP del Tribunale di Asti a carico di due trentanovenni astigiani ritenuti autori di 47 furti commessi nel Nord Italia tra agosto e dicembre scorsi.

Come riporta Prima Torino, specializzati nell’effrazione delle relative gettoniere o delle scatole di raccolta del denaro, i due malfattori si impadronivano del contante presente e poi si allontanavano furti per raggiungere l’obiettivo successivo, nella maggior parte dei casi localizzato nei pressi di centri commerciali o aree di parcheggio di Comuni isolati. Sugli itinerari delle battute predatorie non venivano risparmiati neanche i luoghi di culto ed all’interno delle chiese venivano saccheggiate le cassette contenenti le offerte dei fedeli.

L'indagine

La complessa indagine, scattata nel mese di agosto dello scorso anno e condotta dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Villanova d’Asti, ha permesso finalmente di porre fine alla condotta criminosa di questa coppia di astigiani, un uomo ed una donna domiciliati nella zona di San Damiano d’Asti, allorquando sono stati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di concorso in furto aggravato e continuato.

Dove sono avvenuti gli episodi

Gli oltre quaranta episodi contestati sono avvenuti nelle province di Asti, Torino, Cuneo, Vercelli, Alessandria, Cremona, Piacenza, Varese, Pavia, Verona e Novara,mentre ingente risulta il danno per le varie società di erogazione dei servizi e notevoli sono stati i disagi per gli utenti dei distributori automatici messi fuori uso, nel corso della commissione dei reati, dai presunti autori dei furti.

Gli indagati, non nuovi a condotte analoghe per le quali, già nel dicembre 2021, erano stati denunciati dai Carabinieri astigiani, ora si trovano ristretti presso le Case Circondariali di Alessandria e di Torino in attesa dell’interrogatorio di garanzia. Naturalmente l'indagine è in corso e dovrà acquisire gli elementi idonei a superare l'attuale presunzione di non colpevolezza degli indagati.

Seguici sui nostri canali