Casale Monferrato

Si fingono assicuratori e spillano quasi 1000 euro ad un cliente

Sono stati denunciati per truffa in concorso un 46enne e un 48enne residenti a Napoli che si sono resi protagonisti della truffa.

Si fingono assicuratori e spillano quasi 1000 euro ad un cliente
Cronaca Monferrato, 11 Marzo 2021 ore 17:39

L'episodio è accaduto a Casale Monferrato dove i Carabinieri, a seguito della denuncia sporta dalla vittima, sono riusciti ad incastrare due finti assicuratori della provincia di Napoli. I due sono stati denunciati per truffa in concorso.

Aveva contattato la finta agenzia assicurativa trovata sul web

I Carabinieri di Casale Monferrato hanno denunciato per truffa in concorso un 46enne e un 48enne, entrambi della provincia di Napoli e con numerosi precedenti di polizia.

L’attività investigativa è stata avviata subito dopo la querela sporta dalla vittima, la quale, nei primi giorni di marzo, nel tentativo di rinnovare la polizza assicurativa di un veicolo, aveva cercato sul web il numero telefonico di una nota Agenzia Assicurativa, finendo inavvertitamente su un sito alterato, del tutto simile a quello della compagnia assicurativa in questione, dove era presente un numero telefonico che suo malgrado aveva comunque contattato.

Avevano richiesto ricariche Postepay per 950 euro

All’utenza fraudolenta indicata sul sito, inizialmente, non aveva risposto nessuno, tuttavia, in seguito, la vittima è stata ricontattata da un numero di cellulare, poi risultato intestato al 46enne denunciato, il quale, fingendosi operatore della compagnia assicurativa, invitava la vittima a effettuare quattro ricariche Postepay per il rinnovo della polizza assicurativa, per circa 950 euro.

TI POTREBBE INTERESSARE: Estratti i primi dieci vincitori della lotteria degli scontrini

Solo alcuni giorni più tardi, il truffato si era reso conto della realtà dei fatti e si è quindi rivolto ai Carabinieri, che hanno così scoperto il raggiro posto in essere dai due finti assicuratori napoletani, ai quali risultavano intestati il numero telefonico e la carta Postpay utilizzati. I due sono stati deferiti in stato di libertà per truffa in concorso. La polizza di rinnovo, ovviamente, non era mai stata emessa.