Menu
Cerca
Coldiretti Alessandria

Un alessandrino su due pagherebbe pur di essere vaccinato

Un dato che emerge da un sondaggio Coldiretti sull’atteggiamento dei cittadini verso la vaccinazione e che mostra come sia forte il timore del virus.

Un alessandrino su due pagherebbe pur di essere vaccinato
Cronaca Alessandria città, 02 Aprile 2021 ore 10:40

Un dato che risponde alla domanda su quale tipo di atteggiamento abbiano gli alessandrini nei confronti della vaccinazione anti-Covid. La risposta è chiara: un cittadino su due pagherebbe pur di essere vaccinato. Dal sondaggio di Coldiretti Alessandria emerge quindi che il timore del virus e la priorità di mettersi in sicurezza è più forte delle varie incertezze che riguardano le dosi del vaccino.

Sondaggio di Coldiretti Alessandria

Questo è il quadro che emerge da un sondaggio di Coldiretti Alessandria sull’atteggiamento dei cittadini verso la vaccinazione: un cittadino su due sarebbe disposto a pagare pur di essere vaccinato. Un dato che evidenzia come sia forte il timore del virus e la priorità di mettersi in sicurezza.

Praticamente un alessandrino su due (47%) sarebbe disposto a pagare per avere il vaccino, anche per superare i ritardi nella campagna di immunizzazione del Paese e i problemi emersi nell’individuazione delle categorie da mettere in sicurezza. La rilevazione effettuata da Coldiretti Alessandria ha inoltre riportato quanto segue:

  • Un 20% di cittadini è pronto a pagare fino a 50 euro per un vaccino,
  • Un altro 17% arriverebbe fino a 100 euro,
  • Un 4% pronto a superare i 500 euro,
  • Un 3% che si spingerebbe fino a 5mila euro,
  • Un altro 3% che, tutt’altro che no vax, metterebbe sul piatto della bilancio una cifra addirittura superiore.

TI POTREBBE INTERESSARE: Viaggi all’estero: obbligo di tampone e quarantena per chi rientra

“Grande timore verso il Covid-19”

Alla luce dei dati raccolti, il Presidente e il Direttore di Coldiretti Alessandria, Mauro Bianco e Roberto Rampazzo, commentano in questo modo quanto è emerso:

Un dato che evidenzia come sia forte il timore del virus e la voglia di mettersi quanto prima in sicurezza, magari senza attendere il turno della propria categoria di appartenenza, anticipando l’obiettivo dell’immunità di gregge di almeno l’80% della popolazione che verrà raggiunto a settembre secondo quanto dichiarato dal commissario straordinario all’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo. La battaglia contro il virus è ora la priorità numero uno per uscire da una crisi sanitaria, sociale ed economica che deve vedere le forze sociali al fianco delle Istituzioni”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli