Scontrino elettronico obbligatorio dal 1 gennaio (maxi multe solo da luglio)

Obiettivo, ridurre l'enorme evasione IVA: 37 miliardi sottratti all'erario!

04 Gennaio 2020 ore 01:08


Dal primo gennaio per i commercianti è obbligatorio rilasciare lo scontrino elettronico, una misura partita l’anno scorso a luglio per chi aveva un volume di affari superiore a 400mila euro e che ora si estende a chiunque abbia l’obbligo di emettere ricevute fiscali e quindi, oltre ai commercianti, albergatori e ristoratori.

Scontrino elettronico obbligatorio dal 1 gennaio

Il governo spera in questo modo di ridurre l’enorme evasione IVA – 37 miliardi sottratti all’erario – e conta di recuperare da questo nuovo obbligo 1 miliardo e 200 milioni di mancato gettito nel 2020.

Servono registratori di cassa appositi

Ma non tutti i registratori di cassa sono già pronti ad emettere un corrispettivo elettronico: devono essere infatti dei registratori telematici in grado di connettersi a internet e di trasmettere i dati per il pagamento all’Agenzia delle Entrate.

Due terzi ancora fuori norma

A non essere ancora in regola sarebbero circa i due terzi del totale, ma per adeguarsi c’è tempo fino a luglio.

Per incentivare l’acquisto di un nuovo registratore o l’adeguamento di uno vecchio lo Stato ha previsto un contributo sotto forma di credito d’imposta. In alternativa comunque i commercianti possono optare per la procedura web.

Maxi multe solo da luglio

Per chi non emette la ricevuta telematica da luglio sono previste sanzioni pari al 100% dell’IVA non pagata e si commettono più violazioni si rischia anche la sospensione della licenza.

Per i consumatori non cambia molto

Al posto del consueto scontrino riceveranno un documento commerciale privo di valore fiscale, ma che varrà come ricevuta e garanzia o per il cambio del bene o servizio acquistato.

La “Lotteria degli scontrini”

Da luglio poi con le ricevute emesse dai nuovi registratori telematici si potrà partecipare alla “Lotteria degli scontrini” con estrazioni mensili e premi fino a 50mila euro e una maxi estrazione finale da un milione. E per chi paga con carta di credito o bancomat, le possibilità di vincere raddoppiano.

Insomma, un ulteriore incentivo che oltre invogliare i cittadini a pretendere lo scontrino elettronico potrebbe aiutare la diffusione di pagamenti più tracciabili.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità