Politica
Identità regionale

Giornata della Lingua Piemontese richiesta approvata dal consiglio Provinciale

L’iniziativa è nata nel marzo del 2020 dalla lista civica ed autonomista Progetto Villamiroglio MPP.

Giornata della Lingua Piemontese richiesta approvata dal consiglio Provinciale
Politica Alessandria città, 02 Giugno 2022 ore 15:53

Nelle foto la sede della provincia di Alessandria e Massino Iaretti, consigliere con delega all’Identità Piemontese a Villamiroglio e proponente l’iniziativa con il consigliere Emiliano Racca.

Una decisione importante, almeno dal punto di vista simbolica, per chi ha ancora a cuore l'identità regionale, è stata presa dal Consiglio Provinciale di Alessandria che nella seduta del 31 maggio ha approvato un ordine del giorno presentato dal capogruppo della Lega nel quale si chiede al Consiglio Regionale, l’istituzione di una ‘Giornata della Lingua e della letteratura piemontese’, analogamente a quanto è stato fatto, a partire dal marzo 2020, con la ‘Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri’ per l’italiano.

Viene evidenziato che anche il Piemonte è una terra ricca di storia e cultura che ha trasmesso nei secoli un’eredità storica, artistica, letteraria e linguistica che, ad oggi, rischia di andare perduta qualora non vengano poste in essere azioni anche simboliche di salvaguardia.

Di qui la richiesta alla Regione Piemonte di istituire una Giornata della Lingua e della Letteratura Piemontese da tenersi ogni anno.

La storia della proposta

L’iniziativa è nata nel marzo del 2020 dalla lista civica ed autonomista Progetto Villamiroglio MPP, ed è stata votata nel marzo dello stesso anno dal consiglio comunale di Villamiroglio.
Poi è stata proposta a diverse amministrazioni di varia provenienza tra cui Tortona, Villanova Monferrato, San Giorgio Monferrato, Mombello Monferrato, Villadeati, Fubine Monferrato in provincia di Alessandria e tra quelle in altre realtà piemontesi spiccano Chieri, Carmagnola e Moncalvo. Complessivamente sono una ventina gli enti locali che hanno sinora aderito alla proposta, mentre Alessandria è la prima Provincia.

L’ordine del giorno è passato con il voto favorevole del presidente Enrico Bussalino e dei gruppi del centro-destra, mentre il centro-sinistra si è astenuto.

Il plauso di Iaretti

“Ringrazio il Presidente Bussalino, il gruppo della Lega ed il centro-destra – dice Massimo Iaretti, consigliere con delega all’Identità Piemontese a Villamiroglio e proponente l’iniziativa con il consigliere Emiliano Racca – perché questo è un bel passo avanti ed un contributo ad un’iniziativa che guarda al recupero dell’identità culturale piemontese, nel rispetto di tutto e di tutti. Mi spiace che le altre forze politiche, a partire dal Pd non abbiano colto o voluto cogliere o non abbiano compreso lo spirito di questo cammino che non vuole essere divisivo o mettere delle bandierine da una parte o dall’altra. La lingua e la letteratura piemontese sono patrimonio di tutti. E lo dimostra il fatto che anche amministrazioni di governate dal centro-sinistra l’abbiano votata. Davvero un peccato ed un’opportunità persa”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter