Menu
Cerca
Ecco chi sono

Speranza per la Cerutti, presentata un'offerta di acquisizione da quattro imprenditori

Un pool di imprenditori con la newco Rinascita per l'acquisto dei rami d'azienda.

Speranza per la Cerutti, presentata un'offerta di acquisizione da quattro imprenditori
Attualità Monferrato, 22 Maggio 2021 ore 10:56

Una notizia che ha portato un piccolo bagliore di speranza per tutti i lavoratori della Cerutti: la newco Rinascita, cordata di quattro imprenditori, con il supporto di Invitalia, ha presentato un'offerta di acquisizione per rilevare i rami d’azienda Officine Meccaniche Giovanni Cerutti spa e Cerutti Packaging Equipment spa, parte della storica azienda Cerutti di Casale Monferrato, attualmente in fallimento.

Chi sono i quattro imprenditori interessati

Marco Drago (presidente del gruppo De Agostini), Diana Bracco (presidente del gruppo farmaceutico Bracco), Ernesto Pellegrini (ex presidente dell'Inter dal 1984 al 1995) e Franco Goglio (a capo della Goglio Packaging), con il supporto dell’avvocato Paolo Montironi, sono gli imprenditori italiani che hanno presentato un’offerta di acquisto per rilevare i rami d’azienda Officine Meccaniche Giovanni Cerutti spa e Cerutti Packaging Equipment spa, parte della storica azienda Cerutti di Casale Monferrato, attualmente in fallimento.

All’investimento, a fianco degli imprenditori, è interessata anche Invitalia, attraverso il Fondo Salvaguardia Imprese, che acquisisce partecipazioni dirette di minoranza nel capitale di rischio delle imprese con marchio storico che versano in difficoltà economico-finanziaria al fine di rilanciarle.

Nello specifico, il 3 maggio 2021 è stata presentata la prima manifestazione d’interesse integrata poi il 12 maggio 2021 dalla comunicazione agli organi della procedura circa gli elementi qualificanti dell’offerta, che include i lavoratori che saranno parte del progetto in una fase inziale di ripartenza industriale.

L’operazione intende rilanciare l’attività del Gruppo Cerutti che, ancorché indebolito dalla crisi che lo ha colpito, rappresenta ancora un patrimonio ed un’eccellenza per l’industria del settore, per il territorio ed il tessuto sociale circostante.

L’obiettivo

L’obiettivo è quello di mantenerne la massima integrità ed autonomia, evitando così che la Cerutti diventi un piccolo reparto all’interno di società di gruppi stranieri.

Il completamente delle commesse

Questa operazione permetterà innanzitutto di completare le commesse che hanno già iniziato il loro ciclo produttivo (o le linee in costruzione) al momento dell’apertura della procedura e non ancora terminate e potrà rilanciare la Cerutti nei suoi business tradizionali, in particolare con una focalizzazione sul mercato delle rotocalco per la stampa di imballaggi, di elementi di sicurezza per banconote, nonché di impianti per il converting.

L’intenzione della cordata è quella di corrispondere un prezzo congruo, a beneficio dei creditori, e di assumere nell’ambito del perimetro aziendale un numero di addetti sufficiente ad una operatività piena della ricostituita impresa, integra nel suo core business, con la possibilità di ulteriori crescite occupazionali sulla base del positivo sviluppo del business plan.

LEGGI ANCHE: Rubati nella notte cavi di rame alla Cerutti di Casale Monferrato

Il gruppo Bobst Italia sfida la newco Rinascita

A sfidare la cordata italiana Rinascita è il gruppo piemontese, di San Giorgio Monferrato, Bobst Italia, specializzata nella produzione di macchine per la stampa rotocalco per materiali flessibili, che fa parte del Gruppo Bobst fondata nel 1890 a Losanna, presente in oltre 50 Stati, con 14 sedi produttive in 8 Paesi e impiega circa 5400 persone nel mondo. Sarà il tribunale a valutare le due offerte concorrenti e a decretare l'assegnazione degli asset del gruppo Cerutti.