La testimonianza

Fine dell’incubo dopo dieci giorni di ricovero per Covid-19

Danilo Rossini, 49 anni, è stato dimesso dall'ospedale di Novi Ligure dopo aver combattuto a lungo con il coronavirus.

Fine dell’incubo dopo dieci giorni di ricovero per Covid-19
Novi e Arquata, 05 Novembre 2020 ore 11:09

E’ la fine di un incubo per Danilo Rossini, 49 anni, dopo aver trascorso dieci lunghi giorni ricoverato all’ospedale di Novi Ligure. Il 49enne ha condiviso sul suo profilo Facebook la notizia, mostrando una sua foto con il casco Cpap per la respirazione assistita.

Fine dell’incubo dopo dieci giorni di ricovero per Covid-19

Dopo dieci lunghi giorni di ricovero, Danilo Rossini è finalmente tornato a casa. Tramite il suo profilo Facebook, il 49enne ha reso pubblica una sua fotografia con il casco Cpap per la respirazione assistita. Queste le sue parole:

5 giorni di casco Cpap per riaprire i polmoni chiusi da questa maledetta polmonite bilaterale interstiziale che ti fa soffocare. A un passo dalla terapia intensiva, oggi posso dire di averla scampata. È come una roulette russa può prendere chiunque in maniera leggera o pesante come è successo a me. Non sottovalutate la cattiveria di questo virus, non è una semplice influenza ve lo posso garantire. Purtroppo il mio compagno di stanza che ha lottato insieme me, questa mattina non ce l’ha fatta. Usate le mascherine e state attenti. Ora sto bene, ci vorrà un po’ di tempo per recuperare il fiato. Un ringraziamento agli angeli del reparto covid che mi hanno salvato la vita”.

Il suo messaggio è un vero e proprio monito a non sottovalutare la situazione di emergenza sanitaria, perché le conseguenze possono essere davvero devastanti.

Il messaggio di Danilo si unisce a quello di Clotilde

Clotilde Armellini, 37 anni e mamma di due bambini, era stata ricoverata in terapia intensiva all’ospedale di Alessandria. La donna, tramite un video sui suoi profili social, aveva anch’essa mostrato il toccante momento in cui i medici le facevano indossare il casco per la respirazione assistita. La 37enne aveva voluto testimoniare uno dei momenti più difficili della sua vita, lanciando così un monito a tutti: “Il Covid esiste e fa molto, molto male. Ti prego non scherzare con il Covid, metti la mascherina, proteggi chi ami, perché dentro questa boccia per pesci, davvero, io mi sento morire”.

LEGGI ANCHE:

“Vi auguro di non avere mai fame d’aria”, il messaggio di una mamma poliziotta

LEGGI ANCHE:

La foto simbolo: il corteo di ambulanze da Torino a Tortona

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità