Il ruolo dell'infermiere

L'Urps di Alessandria è uno dei 5 principali poli di ricerca infermieristica in Italia

Unità coordinata da Tatiana Bolgeo: "Impegnati a sviluppare conoscenze specifiche per migliorare l'assistenza al paziente e il rapporto con i suoi familiari"

L'Urps di Alessandria è uno dei 5 principali poli di ricerca infermieristica in Italia
Cronaca Alessandria città, 26 Marzo 2021 ore 09:01

Decine e decine fra studi attivi, collaborazioni con enti (Irccs, università, ospedali italiani; International council of nursing: Consiglio internazionale degli infermieri, federazione di oltre 130 associazioni nazionali di infermieri fondata nel 1899 e sede a Ginevra; University of Pennsylvania di Philadelphia), pubblicazioni scientifiche, poster abstract, working paper. E poi un percorso formativo, attività di tirocinio e stage, pianificazione del percorso di inserimento degli studenti del corso di laurea in infermieristica durante la raccolta dei dati clinici, punto di riferimento per le attività scientifiche, aumento della produzione scientifica, aumento della reputazione aziendale, essere attrattivi per i finanziatori. Protagonista? L'Urps (Unità di ricerca delle professioni sanitarie) dell'ospedale di Alessandria.

Infermiere, mestiere a tutto tondo

Dietro alla sigla c'è una figura che nell'arco di pochi anni ha registrato cambiamenti ed evoluzioni radicali: l'infermiere. Oggi è una professione a tutto tondo, il percorso di studio è universitario e la specializzazione è entrata nella quotidianità. L'ultimo salto di qualità è avvenuto nel 2018 con la nascita dell'Urps, progetto nato nel'ambito dell'Infrastruttura ricerca, formazione e innovazione (Irfi) dell'azienda ospedaliera. Il coordinamento dell'Unità di ricerca è affidato a Tatiana Bolgeo, classe 1964, dottorato di ricerca in scienze infermieristiche e sanità pubblica e una esperienza professionale tutta interna all'ospedale del capoluogo, dalla geriatria dove ha iniziato a lavorare, alla chirurgia e infine alla neurologia. Poi è iniziata una nuova esperienza professionale e di vita.

"La nostra professione è cambiata radicalmente, l'assistenza personalizzata, a trecentosessanta gradi, del paziente – racconta – deve essere una normalità, se prima la cura era per compiti, ora deve essere per obiettivi, l'interdisciplinarietà deve appartenere alla pratica quotidiana così come la collaborazione con i medici, come è giusto che avvenga fra professioni sanitarie che hanno un solo obiettivo: la cura e l'assistenza ottimale al paziente".

L'origine della professione

Una rivoluzione per la sanità di oggi? Sì, anche se le radici risalgono al 1800 con Florence Nightingale (nata il 12 maggio del 1820), considerata la fondatrice delle scienze infermieristiche moderne e una delle donne britanniche più influenti dell’epoca vittoriana. Florence Nightingale, scomparsa nel 1910, dedicò tutta la vita a trasformare il lavoro infermieristico con un approccio scientifico e orientato ai dati, individuando nelle infezioni ospedaliere una delle principali cause di morte e contribuendo a ridurre la percentuale dei decessi tra i ricoverati durante la guerra di Crimea. Ha fondato una scuola per infermieri a Londra che esiste ancora oggi.

"L'obiettivo – spiega sempre Tatiana Bolgeo – è attivare competenze specifiche in ambito metodologico e creare un luogo di riferimento per le problematicità, le criticità e anche i successi, strettamente integrati e correlati all'organizzazione infermieristica stessa, fulcro e centro dell'azione dei professionisti sanitari".

Il ruolo dell'Urps

L'Urps (l'attività attraverso l'Irfi fa capo al Dipartimento delle attività integrate ricerca e innovazione diretto da Antonio Maconi) è impegnata nel migliorare la pratica e la sicurezza dei pazienti assistiti attraverso "una maggiore integrazione fra la clinica e le più recenti prospettive di innovazione e di ricerca presenti in campo infermieristico".

Le progettualità attivate sono tutte trasversali e interessano più strutture aziendali. Particolare attenzione è posta alla linea di ricerca sulle patologie ambientali (al centro, insieme al mesotelioma, del percorso per il riconoscimento di Irccs, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico) e quella sul covid-19, a fianco della implementazione delle buone pratiche infermieristiche per le quali sono attivati diversi progetti in collaborazione con l'Asl Al e l'Università del Piemonte orientale e a centri di livello nazionale e internazionale.

Alessandria una delle cinque unità di ricerca

Quella di Alessandria è una delle cinque Unità di ricerca per le professioni sanitarie in Italia, impegnata "a sviluppare conoscenze specifiche per migliorare l'assistenza al paziente e il rapporto con i suoi familiari, con una ricaduta positiva in termini di cura sull'intera comunità" come sottolinea ancora Tatiana Bolgeo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Vaccino over 70 Piemonte, quando? Come funziona la prenotazione

Nell'ambito dell'attività dell'Urps non manca un premio, quello per la ricerca infermieristica dedicato a Maria Rosa Monaco e cofinanziato da Solidal per la Ricerca, che quest'anno è stato assegnato a Cardiologia per il progetto “Hearts-in-dyads: valutazione del Self Care nella dieade dei pazienti affetti da coronaropatia ischemica” e a Ematologia per il progetto “Ruolo dell'infermiere con competenze avanzate nella gestione di un nuovo schema dietetico "dieta di svezzamento"; per la riduzione del sintomo diarrea nel paziente sottoposto a trapianto allogenico affetto da GvHD intestinale”.