Menu
Cerca
Da metà febbraio

Medici di base per la vaccinazione di massa: Piemonte prima regione d’Italia a firmare l’accordo

Ad annunciarlo è stato proprio il presidente della Regione, Alberto Cirio.

Medici di base per la vaccinazione di massa: Piemonte prima regione d’Italia a firmare l’accordo
Cronaca Alessandria città, 19 Gennaio 2021 ore 15:44

Nelle prossime ore verrà firmato l’accordo tra Regione e associazioni dei medici di base piemontesi che da metà febbraio permetterà ai medici di base di effettuare il vaccino.

Prima gli over 80

Come riporta “Prima Torino”, già dal 30 gennaio i medici di medicina generale cominceranno a vaccinare gli over 80 presso le strutture accreditate, verrà utilizzato il vaccino Moderna che necessità una conservazione a meno venti gradi. Ma entro fine mese sarà messo in commercio anche il vaccino Astrazeneca che, non presentando problemi di conservazione, darà il vero e proprio via alla vaccinazione di massa.

TI POTREBBE INTERESSARE: Dna associato al rischio Covid grave: il primo test genetico è italiano

Piemonte prima regione a firmare l’accordo

Lo ha annunciato il presidente della Regione, Alberto Cirio, a margine della presentazione del nuovo hotspot di piazzale Caio Mario a Torino, accessibile in automobile con la modalità “drive in”. Grandissimo l’orgoglio del governatore regionale, il quale ha affermato che il Piemonte sarà la prima Regione d’Italia a chiudere un accordo di questo tipo:

“Si è appena conclusa presso il Dirmei (il Dipartimento interaziendale malattie ed emergenze infettive) la nostra riunione di monitoraggio sul Piano Vaccini Covid. Abbiamo concordato il cronoprogramma per la prosecuzione della campagna vaccinale in Piemonte che verrà illustrato nell’incontro delle Regioni con il Governo, previsto per domani sera. Il 30 gennaio il Piemonte promuoverà un ‘Vaccine day’ di inizio della vaccinazione per gli ultra 80enni che verrà avviata con le dosi di vaccino Moderna destinate al nostro territorio. Confermata invece per il 27 gennaio la fine della somministrazione delle prime dosi della Fase 1 e per il 21 febbraio la conclusione anche dei richiami con le inoculazioni della seconda dose al personale del sistema sanitario regionale e agli operatori e ospiti delle RSA. Ad oggi il Piemonte ha già utilizzato il 91,8% delle dosi disponibili“.

TI POTREBBE INTERESSARE: Medico vuole somministrare vaccini Covid ma la burocrazia si mette di traverso

All’hotspot Valfré partiranno le vaccinazioni in auto

Come riportato lo scorso 12 gennaio 2021, da fine mese all’hotspot Valfré di Alessandria partirà una campagna di vaccinazioni in auto. I risultati ottenuti dalla sperimentazione nel presidio Alessandrino, se saranno soddisfacenti, permetteranno di estendere il metodo di somministrazione anche in altri centri regionali. Questo quanto aveva affermato l’assessore regionale all’Ambiente, Matteo Marnati:

A fine mese faremo una sperimentazione ad Alessandria, per vedere come è possibile organizzarsi. Ho dato mandato ad Arpa Piemonte che si è occupata dell’organizzazione degli hotspot per i test rapidi. Se tutto funzionerà come pensiamo, sarà questo il modo per vaccinare più persone possibile in Piemonte”