Sanità

Raviolo nuovo commissario straordinario Covid: è bagarre politica

L'ex sindaca Rita Rossa (Pd) e Lega hanno espresso le loro opinioni contrastanti circa la gestione dell'emergenza all'Ospedale di Alessandria e la posizione che andrà a ricoprire Mario Raviolo.

Raviolo nuovo commissario straordinario Covid: è bagarre politica
Cronaca Alessandria città, 24 Novembre 2020 ore 09:50

Mario Raviolo, direttore del 118 regionale e della struttura di Maxi emergenza regionale, è il nuovo commissario straordinario per l’emergenza Covid all’ospedale di Alessandria. E’ stato nominato dall’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, ed andrà ad affiancare il direttore della struttura ospedaliera Alessandrina, Giacomo Centini. La scelta di commissariare la struttura ospedaliera Alessandrina non è stata ben accolta dalla fazione politica del Pd e dalla sua rappresentante, l’ex sindaca Rita Rossa. Anche la Lega si è fatta sentire a riguardo attraverso le parole dell’assessore regionale Vittoria Poggio.

La nomina di Raviolo a commissario straordinario scatena polemiche politiche

L’ex sindaco Rita Rossa (Pd) esprime forti perplessità riguardo la nomina di Mario Raviolo a commissario dell’emergenza affidato a Mario Raviolo. Queste le parole usate nella sua nota:

“Dunque, se in meno di 24 ore sono state prese decisioni rapide e funzionali a risolvere alcune criticità non può che essere positivo. Non altrettanto si può dire per le preoccupazioni sulla gestione dell’emergenza Covid da parte della Asl. Anzi il polverone della nomina di Raviolo rischia di offuscare le difficoltà per ciò che attiene, per esempio i tamponi o i rapporti con le scuole o i rapporti con le Rsa. Mi chiedo, però, perché quando qualcuno di noi ha provato a dire che vi fossero dei problemi è stato considerato alla stregua di un/una male informato/a, che diffonde inesattezze Addirittura definiti iene e sciacalli da importanti esponenti della maggioranza regionale e cittadina. Eppure volevamo solo capire e mettere in fila i problemi e le criticità per provare ad affrontare ciò che non va e che crea difficoltà ai cittadini. Abbiamo cercato di chiedere come mai i posti letto, previsti dal piano pandemico regionale, nel privato non fossero stati individuati. Abbiamo chiesto un quadro chiaro sulla situazione del nostro ospedale anche e soprattutto per le ragioni che hanno spinto Cuttica ad inviare una lettera a Cirio affinché si attivasse celermente per trovare posti letto. La risposta è stata il fastidio per interventi che tanto superficialmente sono stati definiti mendaci, strumentali e poco responsabili ma soprattutto inutili perché tutto era sotto controllo. Ora porre quesiti è dannoso? Dare voce alle istanze dei cittadini che hanno problemi nella gestione di questa emergenza è irresponsabile? Domandarsi il perché di una scelta come questa è essere polemici per il gusto di esserlo? Alla trasparenza dei dati, dei numeri, delle scelte si è preferito l’insulto e i comunicati da istituto Luce. Che ci fossero dei problemi era evidente, purtroppo avevamo ragione e ciò che sta accadendo ne è una chiara dimostrazione. Ancora una cosa mi sfugge, una decisione tanto importante e rapida non può non essere frutto di una richiesta del territorio, direi della città, ergo del sindaco. Se è così perché nella riunione con i vertici di Asl e Aso non ha fatto menzione di questo?”.

Anche la Lega fa sentire le proprie ragioni attraverso le parole dell’assessore regionale Vittoria Poggio:

La speculazione politica del Pd sulla nomina del dottor Mario Raviolo chiamato ad Alessandria per affiancare le attività dell’Aso per l’emergenza Covid, conferma un’inclinazione di contrapposizione ideologica che non fa altro che danneggiare la Comunità in un momento in cui serve una visione svincolata da logiche di partito. Già oggi grazie al lavoro del neo commissario e grazie all’intervento del sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica, che aveva chiesto l’intervento della Regione, sono stati liberati 21 posti letto. Il direttore generale Giacomo Centini era stato nominato dall’amministrazione precedente e lui stesso, oggi, non ha espresso alcuna contrarietà alla designazione di Raviolo per l’emergenza Covid col quale Centini si è detto contento di collaborare. Ciò dimostra, da un lato il carattere del tutto pretestuoso e fuori luogo della polemica sollevata dal Pd, e per contro il senso di responsabilità di questa amministrazione la quale agisce esclusivamente per il bene della salute pubblica, e in particolar modo di Alessandria”.

Sulla questione ha parlato l’assessore Icardi

L’assessore alla Sanità, Luigi Icardi, è intervenuto personalmente sulla questione della nomina di Mario Raviolo a commissario straordinario all’ospedale di Alessandria:

In questi momenti d’emergenza è fondamentale che un ospedale ad alta complessità come quello di Alessandria venga messo nelle condizioni di operare al meglio delle sue possibilità, garantendo quelle prestazioni di vitale importanza che non sono possibili nei presidi minori. Bisogna unire le forze e mettere in campo tutte le migliori risorse disponibili della Sanità regionale. Lo abbiamo fatto con il commissario covid Giuseppe Guerra a Cuneo e lo facciamo oggi con il commissario covid Raviolo all’Ospedale di Alessandria, dove si lavora in stretta sinergia con il direttore generale Giacomo Centini. L’obiettivo è liberare il più possibile le energie sanitarie dell’ospedale dalle incombenze della pandemia per ridurre la pressione sull’attività ordinaria. Ringrazio quanti si sono messi a disposizione e stanno dando una mano, stiamo tutti insieme combattendo la stessa battaglia per il territorio”.

Nel primo giorno di attività il commissario, d’intesa con la Direzione dell’Ospedale, ha liberato 21 posti letto Covid dentro l’ospedale, trasferito 4 pazienti negativi in altri ospedali dell’area alessandrina, chiuso e sanificato i reparti di Urologia e Geriatria, aperto un nuovo reparto per la riallocazione dei pazienti dei reparti chiusi, ricoverato 9 pazienti in attesa al Pronto Soccorso e trasferito una decina di altri pazienti negli ospedali di Tortona, Acqui, Ovada e alla clinica Salus di Alessandria.

LEGGI ANCHE: Emergenza Covid, nuovo commissario straordinario all’ospedale di Alessandria

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità