Tutti il 20 marzo

Un pomeriggio all'insegna degli assembramenti, denunciate in tutto 34 persone

I tre episodi sono accaduti a Casale Monferrato, Villamiroglio e Ottiglio.

Un pomeriggio all'insegna degli assembramenti, denunciate in tutto 34 persone
Cronaca Monferrato, 25 Marzo 2021 ore 16:10

Tre assembramenti diversi tutti avvenuti nel pomeriggio di sabato 20 marzo 2021 e che hanno interessato i Carabinieri di Casale Monferrato. Un pomeriggio all'insegna di feste ed incontri... peccato che siano ancora in vigore le forti restrizioni da zona rossa.

Un pic-nic all'aria aperta

Il primo intervento da parte dei Carabinieri di Casale Monferrato è accaduto nel pomeriggio di sabato 20 marzo, intorno alle 17:00. I militari dell'Arma hanno fatto un sopralluogo nell’area pic-nic in strada alla Diga di Casale Monferrato, dove erano state segnalate numerose persone che stavano mangiando ai tavoli.

All’arrivo dei Carabinieri, molti dei partecipanti si sono dileguati nel bosco, mentre cinque di loro, quattro moldavi e un rumeno, erano stati identificati e multati per la violazione delle norme sul contenimento del Covid-19.

Annuncia un festone sui social e accorrono in 17

Il secondo episodio accaduto nel pomeriggio di sabato 20 marzo 2021 ha visto i Carabinieri intervenire in una cascina di
Villamiroglio. Qui la proprietaria, inosservante delle disposizioni sul contenimento epidemiologico, aveva pubblicato su un social-network la possibilità di ospitare persone presso la propria azienda agricola.

TI POTREBBE INTERESSARE: Inseguimento come in "Fast and Furious" tra Fubine Monferrato e Quargnento

I militari dell'Arma hanno identificato e sanzionato diciassette ospiti, perlopiù provenienti dalle Provincie di Savona e Torino.

Una partita al campetto

L'ultima azione da parte dei Carabinieri di Casale Monferrato nel pomeriggio di sabato 20 marzo 2021 è stata condotta ad Ottiglio in un campo sportivo del Comune. Qui era stato segnalato un assembramento di persone in violazione delle norme di contenimento epidemiologico. Al termine dell’identificazione, sono state sanzionate dodici persone, due delle quali straniere.