Il gesto di solidarietà

Strage di Quargnento: un fiore in onore di Marco, Antonino e Matteo

Le immagini dell'iniziativa organizzata dal "Gruppo Sardine Alessandrine" e dall'associazione "Ama" che si è svolta nel corso di quest'ultimo weekend.

Strage di Quargnento: un fiore in onore di Marco, Antonino e Matteo
Cronaca Alessandria città, 18 Gennaio 2021 ore 09:36

Un'iniziativa simbolica per portare solidarietà ai tre pompieri Alessandrini che hanno perso tragicamente la vita il giorno della strage di Quargnento e al Corpo dei Vigili del fuoco completo "perché nonostante i mezzi limitati, le scarse coperture, i turni massacranti, sono sempre lì, in prima linea e ci fanno dormire sonni tranquilli".

Strage di Quargnento: un fiore in onore di Marco, Antonino e Matteo

LEGGI ANCHE: Strage di Quargnento, riprende il processo. L’imputato: “Non volevo si facesse male qualcuno”

Nel corso di quest'ultimo weekend, davanti al Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Alessandria, si è svolta un'iniziativa di solidarietà nei confronti di Marco, Antonino e Matteo. Tutte le persone che sono sopraggiunte all'esterno della sede dei Vigili del fuoco hanno portato un fiore in ricordo dei tre pompieri che hanno perso tragicamente la vita nella strage di Quargnento. L'evento è stato organizzato dal "Gruppo Sardine Alessandrine" e dall'associazione "Ama" (Associazione Mare Aperto) ed è stato poi condiviso sulle loro pagine Facebook, riportando le seguenti parole:

"Oggi era giusto esserci. Lo dovevamo a Nino, Marco e Matteo, alle loro famiglie, ai loro figli. Perché quando si va oltre, possiamo ancora permetterci di indignarci. Perché quando si va oltre, non si può cercare sempre una giustificazione. Lo dovevamo al Corpo dei Vigili del Fuoco. Perché nonostante i mezzi limitati, le scarse coperture, i turni massacranti, sono sempre lì, in prima linea e ci fanno dormire sonni tranquilli. Infine lo dovevamo a noi stessi, per dimostrarci di essere ancora qui, ancora vivi, nonostante tutto, pronti ad organizzarci, a ritrovarci, in 5 minuti, non appena se ne presenti la necessità. Questo siamo, persone che discutono e si confrontano, anche con toni accesi e posizioni opposte, ma pronti a compattarsi appena si presenta l’esigenza. Oggi era giusto esserci. Ci saremo di nuovo, tutte le volte che sarà necessario".

Il gesto di solidarietà è accaduto anche a seguito delle notizie pubblicate da un giornale locale che hanno scatenato forti polemiche da parte della cittadinanza Alessandrina e non solo: il motivo riguarderebbe i risultati dell’autopsia sui corpi dei tre vigili del fuoco morti che avrebbero evidenziato tracce di stupefacenti, i quali però, sono stati ritenuti irrilevanti dal procuratore Enrico Cieri.

TI POTREBBE INTERESSARE: Strage di Quargnento: nelle motivazioni della sentenza il giudice conferma la tesi dell’imprudenza